HopeMedia Italia – Il 30 ottobre un terremoto di magnitudo 6.9 con epicentro nel Mar Egeo ha colpito Turchia e Grecia. La forte scossa è stata avvertita fino a centinaia di chilometri di distanza, anche nelle capitali dei due Paesi, Istanbul e Atene. La Turchia e la Grecia si trovano sopra o vicino a diverse linee di faglia attive, per cui i terremoti sono abbastanza frequenti nella regione.

La risposta in Turchia 
Smirne, terza città turca per grandezza, con una popolazione di circa 4,37 milioni di abitanti, è stata la più colpita dal terremoto. Nei giorni seguenti ha registrato fino a 1.120 scosse di assestamento, di cui 43 di magnitudo superiore a 4. Oltre 100 persone hanno perso la vita sotto le macerie dei palazzi crollati, più di 900 i feriti.

“Questo terremoto è stato il peggiore che abbia colpito Smirne quest’anno. 973 edifici sono crollati e 178 sono stati evacuati per i danni riportati, e dovrebbero essere demoliti. Alcuni palazzi sono ancora sul punto di crollare” afferma David Jones, presidente della Fondazione Avventista del Settimo Giorno “Il governo ha emesso un ordine di evacuazione obbligatoria agli inquilini degli appartamenti che presentano crepe, per evitare il rischio di ulteriori vittime in caso di crolli”.

“Adra non ha un ufficio in Turchia, ma gli aiuti erano molto necessari, quindi ci siamo messi in contatto con la Fondazione Avventista del Settimo Giorno che è nel Paese” spiega Mario Oliveira, direttore di Adra per gli interventi nelle emergenze. La Chiesa è presente in Turchia con una Fondazione costituita nel 2015, che funge da quadro giuridico per gli avventisti del Paese, così possono tenere i servizi di culto e svolgere attività sociali.

“Abbiamo deciso” continua Oliveira “di far lavorare la Fondazione con il Comune e le autorità di Smirne in modo da poter fornire buoni alimentari alla popolazione colpita dal sisma”. L’agenzia umanitaria avventista e la Fondazione sono anche in trattative per coordinare la valutazione dei bisogni.

Nel frattempo, sono in corso attività di soccorso guidate dalle autorità locali per localizzare le persone intrappolate sotto le macerie. Finora sono state salvate più di 100 persone. Coperte, letti, articoli per l’igiene e altro sono stati distribuiti dall’Autorità turca per la gestione dei disastri e delle emergenze, e oltre 3.000 tende sono state installate da agenzie di supporto per le persone rimaste senza casa.

Gli interventi in Grecia 
Strade impraticabili, edifici danneggiati e oltre 300 case inagibili sono al momento il bilancio del terremoto in Grecia. La scossa ha anche innescato un mini-tsunami che ha inondato le strade di alcune cittadine costiere. “Le persone hanno paura di tornare nelle loro case o nei palazzi perché le scosse di assestamento continuano. Dal 30 ottobre sono state oltre 200″ sottolinea Despina Tologlou, direttrice di Adra in Grecia “Sono alte le probabilità che si verifichi un altro terremoto nei prossimi giorni”.

L’Agenzia umanitaria avventista ha iniziato le valutazioni dei bisogni parlando con i greci colpiti da questa calamità naturale. “Un uomo di 58 anni ci ha raccontato di aver perso la moglie il giorno prima del terremoto. Durante il sisma, la sua casa è stata completamente distrutta e ora vive in una tenda insieme con il figlio disabile di cui si prende cura. Era molto angosciato” racconta Tologlou.

Il maggior numero di danni, secondo la responsabile di Adra, si sono verificati sull’isola di Samos, dove risiedono oltre 30.000 abitanti. Due sono state le vittime e 19 i feriti. Le autorità locali in Grecia hanno fornito piccole tende e pasti caldi a chi è rimasto senza casa e hanno iniziato a valutare i danni. Anche un campo profughi sull’isola di Samos è stato colpito e lì sono iniziati i disordini.

“Il bisogno è grande e le persone necessitano di cibo, sacchi a pelo, kit per l’igiene e altro” afferma Tologlou “Con il passare del tempo, stiamo facendo tutto il possibile per dare aiuto e portare sollievo ai più vulnerabili”.

Adra 
L’Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso è il braccio umanitario internazionale della Chiesa avventista e svolge il suo servizio umanitario in 118 Paesi del mondo. Offre sviluppo sostenibile nelle comunità e soccorso in caso di calamità. Lo scopo di Adra è servire l’umanità in modo che tutti possano vivere come Dio voleva fin dal principio.

Per conoscere l’attività di Adra in Italia, visita il sito: adraitalia.org

[Foto: Shem Aguila/Fondazione Avventista inTurchia, Adra Grecia. Fonte: tedNews]

Produttori

,
Condividi

News Avventisti

Articoli recenti