Notizie Avventiste – L'Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso (Adra) ha aumentato la sua risposta all’emergenza carestia nel Corno d'Africa e porta cibo e acqua nei Paesi più colpiti: Kenya, Somalia, Etiopia e Uganda.

Il deterioramento delle condizioni socioeconomiche e le interruzioni del commercio mondiale a causa del conflitto in Ucraina hanno avuto gravi conseguenze nel Corno d'Africa. L'Ucraina e la Russia fornivano il 90% del grano della regione. Con la guerra i prezzi di cibo, carburante e fertilizzanti sono aumentati, mentre le spedizioni di grano sono diminuite.

Prima del conflitto, l'Ucraina spediva ogni anno circa sei milioni di tonnellate di prodotti agricoli nella regione; ora solo il 15% dei prodotti viene esportato. Inoltre, secondo le Nazioni Unite, in Africa è in corso una delle peggiori siccità degli ultimi 40 anni. Circa 20 milioni di africani e 49 milioni di persone in altre parti del mondo vivono nell’insicurezza alimentare grave e soffrono di una crescente malnutrizione.

Un piccolo spiraglio di speranza arriva oggi, 16 agosto, con la partenza dall’Ucraina di una nave carica di cereali diretta in Africa. Arriverà in Etiopia tra due settimane.

Appello alla politica 
“Ogni giorno milioni di persone soffrono la fame in Africa e in più di 40 altri Paesi. In quanto braccio umanitario globale della Chiesa avventista, Adra è impegnata in programmi per porre fine alla fame e restituire dignità alle famiglie e alle comunità svantaggiate” ha affermato Michael Kruger, presidente di Adra International.

“Ci uniamo ad altre organizzazioni senza scopo di lucro, private e pubbliche, per sensibilizzare sulla crisi della fame” ha aggiunto “Chiediamo ai leader mondiali di trovare soluzioni per consentire le esportazioni di cibo e prevenire le emergenze legate al clima, che portano all'insicurezza alimentare e alla carenza d'acqua".

Adra International opera in tutto il mondo per aiutare milioni di persone colpite dalla crisi alimentare. Collabora con associazioni e agenzie per sviluppare progetti di sicurezza alimentare, prevenire la carestia e rafforzare la resilienza agli eventi meteorologici estremi. I progetti includono: 
– pratiche agricole resistenti alla siccità; 
– fornitura di semi, attrezzature e altre risorse; 
– programmi di alimentazione scolastica per nutrire i bambini e ridurre l’abbandono; 
– realizzazione di orti per le famiglie e per la collettività del villaggio; 
– investimenti a favore dei singoli agricoltori e delle cooperative; 
– corsi di educazione alimentare nella prima infanzia per madri e bambini; 
– corsi di formazione per agricoltori, per migliorare i metodi di coltivazione e commercializzazione.

Gestione dell'emergenza 
In Africa, l’agenzia umanitaria avventista ha preparato dei piani di risposta alle emergenze predisponendo servizi essenziali in alcune delle regioni più povere, che riguardano la salute e la nutrizione, e poi alimentazione del bestiame, servizi veterinari e servizi idrici, sanitari e igienici. Hanno priorità le zone in cui la malaria è dilagante e dove centinaia di migliaia di bambini e donne che allattano sono gravemente malnutriti e necessitano di cure immediate, tra cui il Kenya settentrionale, la Somalia centrale e il Karamoja in Uganda.

“Le famiglie adottano misure disperate per sopravvivere e in migliaia lasciano le loro case in cerca di cibo, acqua potabile e pascoli per il bestiame. Ciò aumenta il rischio di conflitti tra nativi e migranti, ed espone donne e bambini a violenze di genere, sfruttamento sessuale e abusi" ha sottolineato Mario Oliveira, responsabile della gestione delle emergenze di Adra International “Tutti gli uffici di Adra nella regione sono impegnate ad affrontare la situazione critica a livello nazionale e locale, per proteggere le famiglie. Siamo presenti nella regione da oltre 30 anni e abbiamo lanciato diversi programmi di sicurezza alimentare per aiutare i bisognosi, tra cui assistenza in denaro e progetti di soccorso in caso di siccità”.

Altre sfide: inondazioni, pandemia, sciami di locuste 
Le comunità colpite dalla siccità sono anche alle prese con altre difficoltà come inondazioni, focolai di locuste e la pandemia di Covid-19, che hanno conseguenze sui mezzi di sussistenza e sulle fonti di reddito. Secondo l'Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (Ocha), sono circa otto milioni i bambini africani malnutriti e la fame limita anche l'accesso all'istruzione. Nella sola Etiopia sono state chiuse più di 2.000 scuole.

“Quasi due milioni di bambini non vanno a scuola, circa la metà sono femmine” ha spiegato Peter Delhove, direttore dell’agenzia umanitaria avventista in Africa “Adra ha quindi istituito programmi di alimentazione scolastica per ridurre i tassi di abbandono e migliorare la salute degli studenti. In diversi villaggi, l’agenzia ha allestito stazioni idriche per prevenire la diffusione di malattie trasmesse dall'acqua tra studenti e famiglie, centri per l'igiene e servizi igienico-sanitari. Inoltre, ha creato programmi sanitari e strutture per le famiglie sfollate e le comunità colpite; ha lanciato iniziative agricole per aumentare l'accesso al cibo e continua a lavorare con partner di fiducia e autorità locali per trovare nuove soluzioni al problema".

"Come Adra ringraziamo i donatori e i volontari della chiesa per il loro importante e continuo supporto mentre continuiamo a svolgere la nostra missione di prevenire la carenza di cibo e salvare vite umane" ha concluso.

[Fonte: Apd-Adventistischer Pressedienst]

 

 

 

 

Produttore

Condividi