Dal 27 agosto fino al termine del ponte aereo umanitario tra l’Afghanistan e l'Italia, un team di Save the Children ha operato continuativamente presso il Terminal 5 dell’aeroporto di Fiumicino, partecipando alle operazioni di accoglienza dei profughi afghani arrivati in Italia a seguito della presa di potere dei Talebani. Tante le persone assistite e diverse le tipologie di intervento.

Su scala nazionale e per i profughi provenienti ormai da tanti paesi, Save the Children ha lanciato un helpdesk, un servizio di risposta alle necessità di vario genere.

Intervista di Mario Calvagno e Carmen Zammataro a Niccolò Gargaglia, Capo Unità Protezione Minori Migranti di STC Italia.

Produttori

, ,
Condividi