Notizie Avventiste – In questo mese di gennaio, l’agenzia umanitaria Adra Europa ha diffuso alcune notizie sugli interventi alla popolazione ucraina stremata da un conflitto che ormai dura da 11 mesi nel Paese.

Operativi i centri di accoglienza 
Tre regioni dell’Ucraina dispongono di centri di accoglienza per gli sfollati e rispondono ai bisogni delle persone che hanno dovuto trovare un riparo per sfuggire agli effetti della guerra. Ogni centro offre un confortevole soggiorno, con cucina e sala da pranzo, e le camere sono fornite di doccia. Gli ospiti ricevono tre pasti al giorno, servizi di lavanderia e asciugatura, e la fornitura di servizi comuni e di altro tipo: legna da ardere, cibo, medicine e articoli per la casa.
Le porte dei centri sono aperte a persone con disabilità, famiglie numerose e a basso reddito, sfollati, persone che hanno perso familiari o che hanno perso la casa a causa delle ostilità nella loro regione.
I centri operano con il supporto dei partner della rete europea e mondiale di Adra (Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso).

In partenariato per la distribuzione dell’acqua 
Adra Repubblica Ceca e Atlas Copco, partner di lunga data nel campo dell’acqua potabile, hanno provveduto alle forniture idriche nelle zone dove l’acqua scarseggia. I residenti delle regioni di Kherson e Kharkiv hanno ricevuto circa 6.500 bottiglie di acqua potabile, ovvero 39.000 litri.
Durante la guerra molte infrastrutture sono state distrutte. Le persone hanno perso la casa e l’accesso ai beni primari, come l’acqua. Adra lavora in collaborazione con molte organizzazioni e aziende private per fornire agli ucraini acqua potabile sicura. La consegna di acqua potabile in diversi villaggi è stata possibile grazie al supporto di Atlas Copco, che collabora da tempo con Adra Repubblica Ceca per fornire acqua alle persone bisognose.

Doni a 600 bambini ucraini  
Nel periodo natalizio, più di 600 bambini ucraini hanno trovato una sorpresa sotto l’albero, grazie alla generosità di donatori. Oltre 2.000 famiglie hanno preso parte alle attività natalizie per alleviare le sofferenze dei bambini ucraini che trascorrono le vacanze lontano da casa.
Quando un punto di aiuto umanitario situato nel centro commerciale Aupark di Bratislava ha annunciato che cercava donatori di regali per bambini per Natale, non si aspettava, nemmeno nei suoi sogni più sfrenati, una risposta così importante.
“È stato un vero ‘miracolo’ natalizio, avvenuto grazie ai nostri donatori ai quali esprimiamo la nostra immensa gratitudine. Anche un piccolo dono può regalare un grande sorriso. Grazie anche ai nostri volontari, colleghi e a tutti voi che continuate a sostenerci!”, hanno affermato da Adra Slovacchia.

Pacchi per l’inverno 
Adra Ucraina, Adra Germania e il Ministero federale degli esteri tedesco hanno finanziato oltre 200 pacchi di beni invernali per gli sfollati in Ucraina. Inoltre, alcuni centri di accoglienza hanno ricevuto delle attrezzature. I residenti dei centri di accoglienza nei villaggi di Poltava e Stepok, nella regione di Kiev, hanno ricevuto 235 pacchi invernali contenenti thermos, sacchi a pelo e coperte. Molti sfollati vivono in questi centri, tra cui le persone in età pensionabile e con disabilità. Adra Ucraina li aiuta ad affrontare il rigido inverno. Le persone hanno accolto i pacchi a braccia aperte.
Inoltre, i centri di accoglienza di Tulcyn, nella regione di Vinnytsia, e di Zhytomyr (per l’alloggio aggiuntivo di 120 persone) hanno ricevuto letti e attrezzature domestiche, rendendo più confortevole il soggiorno degli sfollati.

Grazie perché vi ricordate di noi 
La signora Yevgeniia, di Sloviansk, nella regione di Donetsk, è in pensione da tempo. Non avrebbe mai potuto pensare di dover affrontare la vecchiaia sotto un costante bombardamento. Ha problemi di salute e non può camminare molto bene. È costretta a vivere senza elettricità e acqua. Con le lacrime agli occhi, la signora Yevgeniia ha ringraziato tutti coloro che l’hanno sostenuta in un momento così difficile: “Cari volontari, grazie per non averci dimenticato e per averci aiutato da marzo” il suo messaggio.

Assistenza che salva la vita 
La famiglia Smyrensky viveva a Bakhmut, nella regione di Donetsk, finché non divenne chiaro che la situazione sarebbe solo peggiorata. Ha così deciso da alcuni parenti. La situazione non si è rivelata migliore lì. Ben presto il cortile venne parzialmente distrutto dai bombardamenti e uno dei membri della famiglia rimase ferito. “Ci siamo resi conto allora che non potevamo andare avanti così” ricordano i Smyrensky.
Presso il centro di volontariato hanno appreso degli aiuti alimentari d’emergenza forniti da Adra Ucraina. La famiglia è molto grata a tutte le persone che hanno offerto questo sostegno che ha salvato loro la vita in questo momento molto difficile.

[Foto: Adra Europa. Fonte: Bia francese]

Produttore

Condividi