“Onora tuo padre e tua madre, come il Signore Dio tuo ti ha comandato, perché la tua vita sia lunga e tu sii felice nel paese che il Signore tuo Dio ti dà” recita il quinto comandamento in Esodo 20: 12. Quale significato assume, qui, il termine “onora”? Ci sono comportamenti dei figli che danno valore ai genitori, ce ne sono altri che li svalutano. La Bibbia ci riporta alcuni esempi di ambedue le situazioni.

Alcuni episodi biblici descrivono situazioni in cui i genitori vengono “arricchiti” dal comportamento dei figli.

Ma c’è anche l’altra faccia della medaglia.

In Efesini 6: 4 troviamo una raccomandazione anche per i genitori: “E voi, padri, non inasprite i vostri figli, ma allevateli nell'educazione e nella disciplina del Signore”. Ancora una volta la Sacra Scrittura dà valore a noi tutti e ci indirizza verso il rispetto reciproco.

Mario Calvagno e Carmen Zammataro ne parlano con il pastore avventista Saverio Scuccimarri, responsabile della redazione religiosa della Casa editrice ADV, professore e decano della Facoltà avventista di Teologia.  

Foto di StockSnap da Pixabay

Produttore

Condividi