HopeMedia Italia – 40 leader dei movimenti femminili di chiese e organizzazioni religiose hanno incontrato i politici australiani, qualche giorno fa, per attirare l'attenzione sulla difficile situazione dei poveri del mondo, in particolare alla luce della pandemia di Covid-19. Danijela Schubert, direttrice dei Ministeri Femminili presso la Regione Pacifico del sud della Chiesa avventista, era nella delegazione salita al Parlamento di Canberra (Act) per l'iniziativa “Micah Australia”.

Le donne hanno parlato con i ministri del governo e i parlamentari di entrambi i principali partiti politici, e hanno sottolineato il "divario di accesso ai vaccini" tra i Paesi più ricchi e quelli più poveri, e gli effetti a catena della pandemia sulle nazioni a basso reddito: aumento della povertà, carestia e ulteriore emarginazione dei gruppi vulnerabili.

L’iniziativa è stata “un'esperienza fantastica” per D. Schubert anche perché è stata l’occasione per incontrare e conoscere importanti dirigenti cristiane e avere l’opportunità di fare rete e lavorare insieme per un obiettivo più elevato. “Sebbene provenissimo da diverse confessioni cristiane, organizzazioni e stati dell'Australia” ha affermato D. Schubert “eravamo accomunate dallo stesso desiderio di portare un messaggio importante a coloro che prendono decisioni e influenzano le politiche del governo”.

Dopo aver ringraziato i ministri e i parlamentari per il lavoro che svolgono, le donne hanno presentato le criticità e i bisogni di quella parte della popolazione che nel mondo vive in povertà. “Il fatto che fossimo lì di persona, che abbiamo preso del tempo per incontrarli, entrare in contatto con loro e parlare delle necessità degli altri, è stata una grande testimonianza dell'amore di Gesù che ci spinge a fare del bene” ha chiosato la responsabile avventista.

Anche i politici hanno espresso gratitudine per l’opera che le chiese svolgono nella comunità. “Ci hanno esortato a continuare” ha proseguito D. Schubert “La maggior parte ha concordato con i nostri appelli a rendere il governo australiano più generoso nell'aiutare i meno fortunati in tutto il mondo”.

“Con oltre 10.000 decessi al giorno a livello globale, questa pandemia è tutt'altro che finita” ha ribadito Melinda Cousins, direttrice dei Ministeri delle chiese battiste nell’Australia del sud “Ora colpisce di più i Paesi a basso e medio reddito in Sudamerica e Asia, e aumentano i timori di una possibile ondata più contagiosa nel continente africano… Allo stesso tempo, si è rapidamente aperto un divario di accesso ai vaccini tra le nazioni più ricche e quelle più povere, il che non è solo moralmente indifendibile, ma è un'ingiustizia che sta perpetuando la pandemia”.

“Come leader” ha concluso “la nostra voce collettiva può fare la differenza. E mentre il nostro mondo affronta una sfida tremenda, siamo qui per mostrare un'azione piena di speranza e incoraggiare i nostri politici che l'Australia può continuare a far parte della soluzione in questo momento devastante”.

[Fonte e foto: Adventist Record]

 

 

Produttore

Condividi

News Avventisti

Articoli recenti