HopeMedia Italia – “Nei prossimi minuti, voglio condividere con voi più che dati e analisi”. Esordisce così Erton Köhler, segretario generale della Chiesa avventista mondiale, nel presentare il suo rapporto annuale al Comitato esecutivo, il 10 ottobre 2021. Nel suo intervento ha condiviso “la visione di una chiesa più grande della crisi della pandemia". Eletto al suo nuovo incarico ad aprile di quest’anno, Köhler è ancora in attesa del visto per potersi traferire negli Stati Uniti, presso la sede mondiale della denominazione. Al momento svolge il suo lavoro dal Brasile.

Negli ultimi 18 mesi la Chiesa avventista ha sofferto, ma si è reinventata e "per grazia di Dio, ha superato le sfide", ha riconosciuto Köhler. Tutto è cambiato con la pandemia, ma “come chiesa, stiamo imparando ad affrontare questa realtà, cercando le migliori opportunità per servire, svolgere il nostro ministero e compiere la missione in questo contesto”.

Finora, il Covid-19 è stato fatale per oltre 17.000 avventisti; tra di essi 773 erano pastori in servizio, in pensione, dipendenti, missionari e dirigenti della chiesa.

Sfide e benedizioni 
La pandemia ha anche influenzato il modo in cui gli avventisti fanno evangelizzazione e assistono i membri e i bisognosi. Allo stesso tempo, la pandemia ha innescato una grande resilienza e ha aiutato gli avventisti a cambiare il modo in cui fanno le cose. “Ci siamo adattati, ma soprattutto, abbiamo continuato a offrire il nostro servizio nel mondo” ha detto il segretario generale “Abbiamo continuato ad evangelizzare e a testimoniare, e Dio ha benedetto il nostro impegno”.

I numeri supportano queste affermazioni. Nonostante i lunghi lockdown e le restrizioni, nel 2020 sono state fondate 1.736 nuove chiese e battezzate 781.389 persone.

Gli ospedali della denominazione hanno svolto un ruolo vitale. In molti luoghi sono stati in prima linea nella lotta contro la pandemia. Inoltre, l'Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso (Adra), il braccio umanitario della Chiesa, ha avuto un impatto positivo nel 2020. Con un aumento di appena quattro milioni di dollari statunitensi in donazioni (da 324 milioni di dollari nel 2019 a 328 milioni di dollari nel 2020), Adra ha sostenuto 325 progetti in più (da 1.184 a 1.506) e ha raggiunto 6 milioni di persone in più (da 14 a 20 milioni). Questa cifra include 422 progetti direttamente collegati alla pandemia.

La pandemia ha anche segnato un impressionante aumento della portata della comunicazione, principalmente attraverso i media online ufficiali. Secondo Köhler, le persone raggiunte tramite il sito web della Chiesa avventista, gestito dal Dipartimento delle Comunicazioni della denominazione mondiale, sono passate da meno di cinque milioni al mese, a quasi 10,5 milioni, con una crescita del 113%. Successo ha avuto la serie video "Unlocking the Prophecies" (Apriamo le profezie) di Hope Channel, che ha avuto cinque milioni di visualizzazioni e ha portato a molti battesimi, "il più grande evento evangelistico mai tenuto” dal canale televisivo, ha affermato Köhler.

La Chiesa avventista ha anche lanciato varie iniziative regionali, nelle chiese e nelle comunità, per sostenere la salute mentale. Una di queste, il progetto “Experience God”, offre consulenza telefonica e riceve più di 6.000 chiamate al mese in Germania, Austria e Svizzera.

Editoria e scuole
Köhler ha riferito che il Dipartimento delle Pubblicazioni della Chiesa avventista si è rapidamente adattato alla nuova realtà per adempiere la sua missione. Sono state sviluppate piattaforme digitali in varie regioni del mondo per aumentare le offerte di libri e riviste. La vendita è stata supportata da attività aggiuntive, come i webinar di cucina sana, che hanno aumentato la circolazione e l’acquisto di risorse.

Il sistema educativo avventista è stato notevolmente colpito dalla pandemia in molte parti del mondo. “La necessità di adattarsi è stata enorme” ha spiegato Köhler "e le scuole di tutti i livelli hanno dovuto passare alla didattica a distanza quasi da un giorno all'altro”. Alcuni campus hanno dovuto affrontare enormi difficoltà. Tra le più colpite vi è la Middle East University di Beirut, in Libano, che nell'agosto 2020 ha subito le conseguenze della terribile esplosione avvenuta nelle vicinanze, e gli effetti della crisi economica nazionale. Anche l’Istituto avventista internazionale di studi avanzati (Aias) nelle Filippine è stato seriamente danneggiato dalla pandemia. Le iscrizioni sono crollate del 57% poiché gli studenti internazionali, che costituivano una parte considerevole del numero di allievi, non sono stati autorizzati a entrare nel Paese.

Le scuole primarie e secondarie non sono state esentate dal doversi adeguare alle nuove esigenze. In Sudamerica, un sistema scolastico “e-class” è stato offerto gratuitamente alle istituzioni avventiste. Il sistema ha ora più di 672.000 utenti attivi.

La pandemia ha colpito coloro che servono la chiesa come missionari in luoghi lontani dai loro Paesi d'origine, molti dei quali in aree molto difficili.

Sfide a livello locale 
Tuttavia, le sfide più significative sono state affrontate a livello di chiesa locale. "La possibilità di tenere i servizi religiosi è stato il primo e principale problema quando è iniziata la pandemia" ha ricordato il segretario generale “ma i nostri membri sono passati immediatamente alla tecnologia". Ha riconosciuto che in molte aree del mondo le persone si sono rapidamente stancate dei servizi online e si aspettavano una rapida riapertura delle chiese. Ma poiché ci è voluto più tempo del previsto, hanno trovato nuovi modi di stare insieme. Dopo poche settimane, alcune chiese hanno introdotto il concetto di “chiese drive-in”, tenendo i servizi di culto nei parcheggi delle chiese e attuando il distanziamento fisico dalle loro auto.

Nel mondo, le comunità avventiste locali si sono organizzate per sostenere sia i membri di chiesa sia le altre persone che avevano perso il lavoro. Nella Regione Sudamericana della denominazione, da marzo 2020 a marzo 2021, le chiese locali hanno distribuito prodotti alimentari e vestiti a più di 2 milioni di persone. In Bangladesh, i dipendenti della chiesa hanno donato il 10% del loro stipendio per sostenere i membri laici bisognosi.

Anche i pastori hanno fatto un ottimo lavoro, ha riferito Köhler. Sono stati “coraggiosi e audaci” nell’affrontare una crisi così inaspettata. Ha menzionato un pastore in Bielorussia che ha letto la Bibbia, pregato e incoraggiato cinque persone ricoverate in ospedale insieme a lui a causa del Covid-19. Tutti sono guariti e hanno imparato di più su Dio e sulla Scrittura. In Pakistan, un altro pastore avventista ha installato un altoparlante sul tetto della sua casa e lo ha usato per predicare il vangelo.

La domanda giusta 
Nell'ultima parte del suo rapporto, Köhler ha sottolineato che la pandemia è stata un momento di sofferenza, eppure è stata anche un'opportunità per imparare come sono cambiati il mondo e la chiesa. Ha fatto riferimento all'autore, oratore e consulente cristiano, Tony Morgan, il quale ha consigliato alcune domande che la Chiesa dovrebbe iniziare a porsi ora. Mentre alcuni membri e dirigenti hanno chiesto "Quando potremo tornare alla normale vita di chiesa?", Morgan ha spiegato perché questa è la domanda sbagliata da porre. Ha detto che invece dovremmo domandarci: "Come ci sta cambiando questa situazione?".

Morgan suggerisce sette grandi cambiamenti che una chiesa dovrebbe fare. Tra questi, ha affermato che le chiese dovrebbero passare dall'insegnamento all’equipaggiamento, dalla raccolta alla connessione e dalla partecipazione all'impegno. Per Köhler questi “sono tempi fantastici per imparare".

Tuttavia, nonostante tutti questi cambiamenti e il ruolo crescente dei social media nella vita delle comunità locali, le interazioni di persona, faccia a faccia, sono importanti e non dovrebbero essere sostituite, secondo il segretario. "La tecnologia è venuta per rimanere nella vita della chiesa, ma non per sostituirla" ha sottolineato.

Impegno è un'altra parola da mettere in cima alla nostra agenda. “Dobbiamo trovare il modo di riunire i membri, dato che sono la principale risorsa della chiesa. Gesù è venuto per le persone, ha vissuto per le persone, è morto per le persone e tornerà per portare le persone in cielo” ha ricordato il segretario generale.

Per vedere le presentazioni in inglese del Consiglio annuale 2021, cliccare qui.

[Fonte e foto: Adventist Review online]

Produttore

Condividi

News Avventisti

Articoli recenti