Ministro del Sudan visita la sede della Chiesa avventista negli Stati Uniti.

HopeMedia Italia – Lunedì 24 maggio, Ted N. C. Wilson, presidente della Chiesa avventista mondiale, ha ricevuto nel suo ufficio Naserldeen Mofarih, ministro degli affari e dei beni religiosi della Repubblica del Sudan. Mofarih era accompagnato da Amira Agarib, vicecapo missione presso l'Ambasciata del Sudan negli Stati Uniti, e da Putrus Komi, consigliere per gli affari cristiani del ministro. Con Wilson erano presenti anche i responsabili dei Ministeri per la promozione della salute, dei Ministeri Femminili, del sistema sanitario Advent Health e dell'Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso (Adra).

"Tutto è iniziato con una telefonata" ha affermato lo sceicco Muhammed Yousif, referente locale per il Sudan “Il ministro ha espresso il desiderio di visitare la sede della Chiesa avventista durante la sua visita negli Stati Uniti”.

Cooperazione internazionale 
La visita di Mofarih nasce dalla volontà del Paese africano di reintegrarsi nella cooperazione internazionale. Una componente chiave di questo processo è lo sforzo deciso del nuovo governo sudanese di coinvolgere il mondo con prove di apertura al multiculturalismo e alla convivenza pacifica multireligiosa.

"Nella sua lunga, ricca e complicata storia, la Repubblica del Sudan è a un bivio per quanto riguarda lo schema geo-socio politico degli affari e delle relazioni internazionali" ha commentato Ganoune Diop, direttore del Dipartimento Affari Pubblici e Libertà Religiosa della Chiesa a livello mondiale.

“I leader sudanesi” ha aggiunto “hanno un rinnovato desiderio di veder prosperare la loro economia nazionale e stanno facendo passi seri nell’impegno per la giustizia, ripristinando i luoghi di culto e consentendo la libertà religiosa nel loro Paese”.

Il Sudan è una nazione ricca di risorse minerarie ma necessita di sviluppo in ambiti come la sicurezza alimentare, l'assistenza sanitaria, le infrastrutture e la stabilità economica generale. Per questo il governo porta avanti conversazioni con organizzazioni politiche e umanitarie internazionali. Ciò include la visita ai capi religiosi di tutto il mondo, ed è in questo contesto che Mofarih ha richiesto un incontro con il presidente Wilson.

"È stata una richiesta molto insolita da parte del governo sudanese" ha evidenziato Wilson “Come potevamo non accoglierla? È nostra speranza che migliori i rapporti e la comprensione del governo sulle nostre attività ecclesiali in Sudan”.

L’impegno della Chiesa 
Il presidente della denominazione ha accolto gli ospiti salutandoli nel suo modesto arabo appreso durante l’infanzia trascorsa in Egitto. All’incontro, Wilson "è stato ispirato a pronunciare le parole giuste ai nostri ospiti che sono stati visibilmente toccati" ha osservato Diop “Lo stesso è accaduto durante il pranzo, quando ha condiviso le intuizioni del libro di Michea”. 
Wilson ha citato il testo di Michea 6:8 che racchiude alcune fondamentali istruzioni su come ogni essere umano dovrebbe vivere la sua vita: praticare la giustizia, amare la gentilezza e camminare umilmente con il proprio Dio.

Diop ha presentato l’impegno della denominazione sulla salute e il benessere psicofisico, senza perdere di vista la speranza del ritorno di Gesù. Ha anche spiegato i modi in cui la Chiesa avventista ha operato e continua a operare in solidarietà con il mondo: assistenza sanitaria, istruzione, assistenza umanitaria, diritti umani, ministeri per le donne, per la gioventù e i bambini, ministeri per le pari possibilità, servizio ai sopravvissuti alle violenze di tutti i tipi e altro ancora. Non è mancato il riconoscimento ad Adra che opera in Sudan da 40 anni.

"Abbiamo fatto del nostro meglio per stabilire buoni rapporti con questi leader" ha affermato Diop “Raccomandiamo ai dirigenti avventisti locali di farci sapere come possiamo aiutarli a realizzare in modo più efficiente i loro obiettivi nazionali, e nel condividere anche la nostra testimonianza e missione cristiana”.

Per i rappresentanti della Chiesa, l'incontro è stato un successo. Gli ospiti hanno manifestato grande interesse a quanto detto nella giornata ed espresso apprezzamento per tutto ciò che la denominazione potrebbe fare per aiutare il loro Paese, specialmente in ambiti quali la salute e il benessere. 

“Lodiamo Dio per la sua benedizione all'incontro e per la sua presenza” ha concluso Wilson.

 

[Fonte: Adventist News Network]

 

Produttore

Condividi