Il pastore avventista tirocinante Nicolò D’Elia ci guida nella riflessione sul testo di 2 Corinzi 3:3: “È noto che voi siete una lettera di Cristo, scritta mediante il nostro servizio, scritta non con inchiostro, ma con lo Spirito del Dio vivente; non su tavole di pietra, ma su tavole che sono cuori di carne”. Cosa significa essere una lettera di Cristo? Quale invito contiene questo versetto?

Intervista a cura di Alessia Calvagno.

Produttori

,
Condividi