Ringraziare per la vita, per le cose ricevute, per quello che facciamo, per gli eroi moderni, per la famiglia e per gli amici, per tutto, fa di noi delle persone che conoscono il valore della gratitudine e i suoi benefici. Ogni anno, il 21 settembre, si osserva in tutto il mondo la Giornata mondiale della gratitudine che ebbe inizio grazie al Meditation Group delle Nazioni Unite nel 1977. Nella Bibbia ci sono diversi richiami interessanti alla gratitudine e al ringraziamento. Come possiamo coltivare e sviluppare personalmente un sentimento di gratitudine verso Dio e verso il prossimo? Insegnare la gratitudine ai bambini, crea degli adulti responsabili che sanno apprezzare anche le piccole cose. Quanto conta la gratitudine in famiglia e nella chiesa? Ci sono dei legami possibili fra gratitudine e resilienza?

Intervista di Mario Calvagno e Carmen Zammataro al pastore Roberto Iannò, pedagogista, direttore nazionale del dipartimento Ministeri della Famiglia dell’Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste.

Foto: Gerd Altmann da Pixabay

Produttore

Condividi