In fondo siamo tutti esseri umani
24 Marzo 2023


Secondo i dati del Censis, più di un milione di italiani hanno gravi problemi di sordità. Tra questi, ci sono 70mila sordomuti o sordi prelinguali. La maggioranza di loro si esprime quasi esclusivamente con la lingua dei segni. La situazione è critica quando entriamo nell’ambito sanitario. L’ Associazione emergenza sordi ha calcolato che durante la pandemia, quasi 45mila sordi non riuscivano a parlare con il proprio medico perché la mascherina impediva loro di leggere il labiale.

Oggi Sofia Artigas affronta questo problema sociale nel suo consueto “cappuccino del venerdi”, anche grazie all’esperienza umana e musicale di Francesco.

“Mi chiamo Francesco, in arte Brazzo, sono sordo e nella vita faccio rap”. In una frase, lo specchio di una vita in salita. La fatica di imparare a cantare senza poter ascoltare nulla se non “le vibrazioni delle casse”, gli anni della logopedia e la voglia di mettere in versi la realtà, le battaglie per il riconoscimento della lingua dei segni e la denuncia sociale. Brazzo nasce a Taranto in una famiglia di sordi da tre generazioni e si trasferisce a Milano nel 2008. “Già da bambino desideravo cantare – racconta – solo che mi sentivo imbarazzato per il fatto che un sordo potesse cantare. Ho iniziato a parlare a cinque anni, all’inizio non parlavo molto bene e ho affrontato un lungo percorso di logopedia. Poi a trent’anni avevo questo desiderio lasciato nel cassetto e ho deciso di lanciarmi”.

Francesco nasce a Taranto in una famiglia di sordi da tre generazioni e si trasferisce a Milano nel 2008. Quando rappa – e rappa bene – lo fa anche attraverso la lingua dei segni. Nel 2020 ha partecipato a Italia’s got talent e, scherzando, Frank Matano ha detto che è “il primo rapper che quando gesticola dice qualcosa di concreto”. L’idea, dice Brazzo, è “rendere accessibile la musica, perché io vedo tanti udenti che la ascoltano in modo spensierato, ma anche i sordi ne hanno bisogno. E a loro quell’emozione può arrivare solo attraverso le espressioni e la lingua dei
segni”.

Partendo dalle sue canzoni e dalla protesta che Brazzo propone con la sua musica, Sofia – intervistata da Claudio Coppini e da Roberto Vacca – ci parla dell’impegno della Chiesa avventista su questi temi, e sulla strada ancora lunga da fare per la piena integrazione dei sordi, perchè in fondo, come canta Brazzo, “siamo tutti esseri umani”.

Condividi su:

Notizie correlate

Caravaggio. Battesimi

Caravaggio. Battesimi

Elisa Laura Gheorghiu – Sabato 6 luglio, la chiesa avventista di Caravaggio (BG) ha celebrato i battesimi di Gabriella Velazquez, Sophia Lainez, Antonella Tapia e Victor Malvaceda. Il past. George Caputi ha iniziato la cerimonia con una breve predicazione che ha...

La verità come ossigeno in un ambiente intossicato

La verità come ossigeno in un ambiente intossicato

In un mondo polarizzato, saper analizzare le informazioni e cercare le fonti corrette è la chiave per trovare la verità. Diego Barreto – Oggi voglio parlare di due argomenti inevitabili di questi tempi: le fake news e le opinioni distorte. Il nostro mondo è...

Riposare in estate con l’aiuto di sei testi biblici

Riposare in estate con l’aiuto di sei testi biblici

Un’amaca, una limonata, un buon libro, un pomeriggio tutto per noi. Mescoliamo insieme questi quattro ingredienti e avremo la ricetta per un bel pomeriggio estivo. E allora, perché non riusciamo a rilassarci? Perché la mente corre a cento all’ora come al solito? Cosa...

Calciatori vanno in chiesa

Calciatori vanno in chiesa

Notizie Avventiste – Se in Germania sono in corso gli Europei di calcio, ormai arrivati alle fasi conclusive, anche negli altri continenti le squadre di ogni Paese sono impegnate nei rispettivi tornei. E così, in occasione della finale del campionato d’Oceania, la...

Pin It on Pinterest