Lina Ferrara – L’Istituto avventista di cultura biblica “Villa Aurora” (Iacb) di Firenze e la Facoltà di teologia (Fat) inaugurano il nuovo anno accademico 2021-2022 con le cerimonie del 24 e 25 settembre. “Ma l’amore è più grande” è il motto speciale che accompagnerà studenti, professori e personale nei prossimi mesi. Ospite è il past. Marius Munteanu, direttore del Dipartimento di Educazione presso la Regione Intereuropea della Chiesa avventista. A lui sono affidati il messaggio spirituale del venerdì sera, nella cappella storica di Villa Aurora, e la predicazione del sabato mattina, nella chiesa di via del Pergolino 1. 
In vista di questo evento, abbiamo rivolto alcune domande a Saverio Scuccimarri, decano della Fat.

L. F.: Com'è la situazione er quanto riguarda la pandemia? 
Saverio Scuccimarri: Anche la Facoltà avventista di teologia è stata messa a dura prova dalla pandemia, ma con l'aiuto del Signore non ci siamo mai fermati. Solo in brevi periodi abbiamo dovuto ricorrere alla didattica a distanza (Dad), mentre nel resto del tempo abbiamo potuto garantire una didattica in presenza. Il numero degli studenti si è ridotto, per forza di cose, ma comunque la ripresa è già iniziata e quest'anno abbiamo cinque nuovi studenti iscritti al primo anno di laurea, e altri tre al primo anno della magistrale. Abbiamo inoltre sette nuovi studenti con percorsi di studio parziali e individualizzati.

L. F.: Ci sono novità per quanto riguarda i corsi? 
S. S.: La pandemia, oltre ad averci creato delle difficoltà, ci ha dato anche delle opportunità. Infatti, ci siamo dotati dell'attrezzatura necessaria e ora siamo in grado di offrire tutti i nostri corsi di laurea e di laurea magistrale in modalità blended-learning, ovvero a distanza senza dover necessariamente frequentare le lezioni di presenza. Anche se questa modalità non abilita al servizio pastorale, è comunque molto utile per chi volesse conseguire un titolo di laurea e con esso anche competenze importanti nello studio della Bibbia e della teologia. I laici (i membri di chiesa non pastori, ndr), inoltre, hanno la possibilità di seguire singole materie a cui sono interessati, senza doversi iscrivere necessariamente a un intero corso di laurea o di magistrale. Lo possono fare sia di presenza che a distanza, e addirittura abbiamo creato dei corsi ad hoc per loro, come ad esempio un corso di introduzione alla conoscenza della lingua ebraica.

L. F.: Avrete le lezioni in presenza o usufruirete ancora della didattica a distanza? 
S. S.: Al momento siamo in grado di garantire le lezioni in presenza e in sicurezza, perché le proporzioni tra numero di studenti e spazi ce lo consentono. Allo stesso tempo, in quasi tutte le classi abbiamo anche la partecipazione di studenti a distanza, collegati con il resto della classe in videoconferenza, non per ragioni legate al Covid, ma appunto perché sono studenti in modalità blended-learning. Qualora, tuttavia, l'evolversi della pandemia dovesse richiederlo, siamo pronti a continuare il programmda in Dad, anche se al momento non crediamo che ce ne sarà la necessità.

L. F.: Quale clima si respira in facoltà? 
S. S.: In merito alla pandemia c’è fiducia; infatti, entro ottobre tutto il personale sarà vaccinato, e anche una buona parte degli studenti; si spera, con una certa fiducia, che questo possa contribuire concretamente a scongiurare la possibilità di un ritorno in Dad.

Le cerimonie di inaugurazione del nuovo anno accademico inizieranno venerdì 24 settembre, alle ore 20.30, presso la cappella storica dello Iacb, in via del Pergolino 12. Proseguiranno sabato mattina, 25 settembre, alle ore 11.00, nella chiesa avventista di via del Pergolino 1, con la presentazione dei nuovi studenti della Fat e del Dilcai (Dipartimento lingua, cultura e arte italiana) e il sermone dell’ospite. Si concluderanno il sabato pomeriggio, alle ore 16.00, nella cappella storica, con un saluto ai nuovi docenti della Fat e la presentazione dei volontari dello Iacb.

Per altre informazioni e aggiornamenti, visitate il nostro sito https://villaaurora.it/ 

 

 

 

Produttore

Condividi