Un vademecum protestante.

Lo “Sportello Scuola Laicità Pluralismo” della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei) ha predisposto un documento con le risposte alle più frequenti domande su iscrizioni e scelta di non avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica (Irc). Famiglie e studenti sono chiamati infatti, entro la fine di gennaio, ad effettuare la loro scelta su istituti e indirizzi di studio per l’anno scolastico 2023/2024. “Non meno rilevante la scelta di avvalersi o non avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica” scrive lo Sportello Fcei nell’introduzione del documento “Il crescente numero degli studenti (oltre un milione secondo dati ministeriali, ndr) che scelgono di non avvalersi dell’insegnamento religioso confessionale e le significative difficoltà a reperire informazioni chiare sulle modalità per esercitare questo diritto, rendono necessari chiarimenti che la Fcei intende fornire a famiglie e persone, evangeliche e non”.

A tale scopo, sul sito della Fcei, sono disponibili alcune linee guida con le cosiddette “domande frequenti”. Nel documento è possibile trovare istruzioni e informazioni per la scelta, ma anche soluzioni per chi volesse, nel corso dell’anno oppure da un anno all’altro, modificare la sua opzione. Sono inoltre illustrati gli obblighi delle scuole e della dirigenza scolastica che, per legge, devono garantire sempre e comunque il diritto di non avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica. Infine, le risposte operative sia nei casi di difformità e/o illegittimità della modulistica, sia su cosa succede se genitori e studenti optano per lo studio individuale o per la cosiddetta “materia alternativa”.

La giurisprudenza, ad esempio, ha già stabilito che il diritto costituzionale alla libertà religiosa e di coscienza prevale sulle esigenze organizzative delle scuole. La scelta di una delle quattro alternative possibili (attività didattiche, ricerca e studio con o senza assistenza di personale docente, non frequenza da scuola nelle ore Irc) come scrive ancora lo sportello, “è necessaria, ma la sua attivazione da parte della scuola è obbligatoria”. Inoltre, spiega il vademecum, “non esiste un numero minimo di studenti necessario per l’attivazione dell’ora di materia alternativa. E lo studente non ha l’obbligo di restare in classe per svolgere la materia alternativa mentre la restante parte della classe svolge l’ora di religione”.

Nell’ampio dibattito sui voti Irc in pagella, lo Sportello ribadisce che “nessun vantaggio aggiuntivo si acquisisce frequentando l’ora di religione in termini di credito scolastico”. La questione è tuttavia ancora oggetto di dibattito. Attualmente, la frequentazione della materia alternativa, al pari dell’Irc, entra in gioco nella più ampia valutazione che comprende attività extrascolastiche, assenze, qualità dell’impegno dello studente.

Il vademecum è stato predisposto dalla consulente legale della Fcei, avv. Ilaria Valenzi.

Lo Sportello Scuola Laicità e Pluralismo della Fcei può essere contattato in ogni momento all’indirizzo email scuola@fcei.it.

[Fonte: Nev]

 

 

 

Produttore

Condividi