Il pastore avventista Mihai Bumbar ci invita a riflettere su Atti 17,6-7: «Ma non avendoli trovati, trascinarono Giasone e alcuni fratelli davanti ai magistrati della città, gridando: “Costoro, che hanno messo sottosopra il mondo, sono venuti anche qui, e Giasone li ha ospitati; ed essi tutti agiscono contro i decreti di Cesare, dicendo che c’è un altro re, Gesù”» (Atti 17.6-7). Queste sono parole di accusa per Paolo e Sila, che testimoniavano di Gesù con coraggio ed entusiasmo, nonostante i pericoli e le difficoltà che talvolta incontravano. In che modo anche noi possiamo “mettere sottosopra il mondo”? Come possiamo rendere efficace la nostra testimonianza?

Intervista a cura di Alessia Calvagno.

Produttori

,
Condividi