Piero Riffaldi – Sabato 30 ottobre, la chiesa di Pavia ha celebrato la festa di ringraziamento. I fratelli e le sorelle hanno espresso la loro gratitudine al Signore per i doni ricevuti addobbando il salone del culto con innumerevoli e variegati prodotti della terra, quali frutta fresca e secca, verdura, oltre a pane, uova, succo d’uva e tanti fiori.

Il past. Daniele La Mantia ha condiviso l’insegnamento del profeta Malachia e ha predicato sul testo di biblico di Malachia 3:7-12. In particolare, riprendendo il tema della restituzione della decima e del nostro rapporto fiduciario con il Signore, e amalgamandolo con quello del ringraziamento, ha sottolineato come Dio non abbia necessità di ricevere da noi particolari doni, ma sarà tanto più generoso nei nostri confronti nella misura in cui noi lo saremo con la chiesa, con i nostri fratelli e con il prossimo nei suoi diversi bisogni.

I membri di chiesa hanno partecipato con canti, preghiere e testimonianze. Molto apprezzata è stata la rappresentazione scenica dei bambini, arricchita con poesie, manifestazioni canore singole e di gruppo, con cui la comunità ha pregato e reso grazie al Signore.

La festa ha rappresentato un significativo momento di raccoglimento e di riflessione anche per gli ospiti che hanno condiviso il ringraziamento al Signore, affinché si possa veramente comprendere come ogni giorno sia una gioia, e non un peso gravoso, la reciproca condivisione di quanto ci concedono la bontà e l’amore del Signore.

[Foto: Bronislaw Shuster. Foto di anteprima: gruppo WhatsApp Avventisti Pavia]

Produttore

Condividi