Anche quest’anno è stato pubblicato il rapporto “Pesticidi nel piatto” di Legambiente, dossier sulla presenza di residui chimici sull’ortofrutta realizzato sulla base dei dati forniti dai laboratori pubblici provinciali e regionali. La frutta è risultata più inquinata della verdura. Sotto accusa i pesticidi che in alcuni casi sono presenti anche nei prodotti secondari come l’olio. Inoltre alcuni principi attivi presenti proprio nei pesticidi (sostanze bioaccumulabili e persistenti nell’ambiente) sono conosciuti per la loro attività di distruttori endocrini e sono quindi tra le cause dell’endometriosi nella donna e dell’infertilità. Le api poi muoiono a causa della diffusione di alcuni fitofarmaci sistemici in agricoltura. Cosa propone Legambiente? Quali sono le soluzioni possibili ai pesticidi nel nostro piatto? Intervista al dott. Francesco Ferrante, direttore generale Legambiente.

Produttore

Condividi

Articoli recenti