Il film presentato a Venezia in questi giorni, “Il signore delle formiche“,  mette in luce una storia della fine degli anni 60 in cui un intellettuale fu accusato di plagio.

Segui il dialogo con Raffaella Di Marzio presidente di LIREC, Centro Studi sulla libertà di religione credo e coscienza.

Produttori

,
Condividi