Bambini, giovani e famiglie hanno usato i loro talenti per affermare che tutti meritano di essere trattati con gentilezza, giustizia, compassione e amore, e di vivere come vuole Dio.

HopeMedia Italia – Il Sabato del rifugiato è un momento speciale celebrato dalla Chiesa avventista di tutto il mondo. Ricorre ogni anno in prossimità del 20 giugno, Giornata mondiale del rifugiato stabilita dall’Onu nel 2000. In occasione della celebrazione 2021, si svolgerà la cerimonia di premiazione del concorso “Ascoltami. Guardami. Cammina con me” (Hear me. See me. Walk with me), lanciato dalla Chiesa avventista e dalla sua agenzia umanitaria (Adra) in Europa.

“Dopo cinque edizioni annuali organizzate per aprire una finestra sulla realtà dei rifugiati che ormai attraversano tutte le latitudini della terra” spiega Corrado Cozzi, ex direttore delle Comunicazioni presso la Regione Intereuropea (Eud) della denominazione, dal sito Eud “ Adra Europa ha deciso di indire un concorso d'arte, facendo appello alla sensibilità dei più giovani”.

Opere che commuovono il cuore
“Compassione per tutti” e “Un’immagine vale più di mille parole” sono le due idee promotrici, in qualche modo, di questo contest in cui è possibile cogliere lo sguardo di bambini, giovani e famiglie sul tema dei rifugiati, e invitare alla riflessione. Suddivisi per fasce di età e categorie, i partecipanti hanno messo in moto i loro talenti artistici e hanno condiviso il messaggio: “Tutti meritano di essere trattati con gentilezza, giustizia, compassione e amore, e di vivere come vuole Dio”.

Le opere, realizzate con tecniche e stili diversi, sono state visionate da una giuria che ha scelto i vincitori. "Sono felice di annunciare che abbiamo i vincitori del nostro primo concorso artistico" ha affermato Maja Ahac, di Adra Europa “Forse avrebbero potuto partecipare più persone, ma alla fine abbiamo ricevuto opere d'arte che commuovono il cuore”.

La cerimonia di premiazione si terrà online sabato 19 giugno, alle 16.30 ora italiana, sulla piattaforma zoom, e sarà anche trasmessa in streaming sulla pagina Facebook di Adra Europa.

Una società inclusiva 
“Conflitti e persecuzioni hanno costretto oltre 80 milioni di persone nel mondo a fuggire dalle loro case” afferma l’Agenzia Unhcr dell'Onu “Per la Giornata Mondiale del rifugiato chiediamo la loro piena inclusione in ogni ambito della società, dal lavoro allo studio e alla salute. Durante la pandemia di Covid-19 abbiamo compreso che solo se ognuno fa la propria parte possiamo creare un mondo più sicuro per tutti. Insieme possiamo fare la differenza”.

Le statistiche diffondono dati ma non bisogna dimenticare che dietro i numeri ci sono madri, padri e bambini la cui vita è stata sconvolta da persecuzioni, conflitti e violazioni dei diritti umani. 
Inoltre, “i rifugiati portano con sé nella fuga un bagaglio di competenze, coraggio e determinazione che possono arricchire le comunità ospitanti, diventando risorse preziose per la società e per il bene comune” aggiunge Unhcr. 

[Fonte: Eud News e Unhcr. Immagine: Adra Europa]

 

 

Produttore

Condividi