Maol – Kari Paulsen si è addormentata nel Signore il 10 gennaio a Oslo, in Norvegia. Aveva 85 anni. Suo marito Jan, ex presidente della chiesa avventista mondiale, era al suo fianco. Non potendo uscire per motivi di salute, Kari incontrava le persone al telefono; chiamava coloro che avevano bisogno di incoraggiamento e questo ministero telefonico era parte integrante della sua vita. «Tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci ascolti in un momento o nell’altro» aveva detto alla rivista Ministry nel 2006, raccontando di essere riuscita, in quanto moglie di un amministratore della chiesa, a trovare un ministero personale da svolgere nonostante i limiti della malattia cronica.

«Era una persona molto capace e un grande sostegno per il past. Paulsen nella sua vita e nel ministero svolto insieme per molti decenni in diverse parti del mondo» ha dichiarato Ted N. C. Wilson, attuale presidente della chiesa mondiale, in un post sulla sua pagina Facebook.

Kari Trykkerud era nata in una cittadina nei pressi di Notodden, a 100 chilometri da Oslo. Crebbe durante la Seconda guerra mondiale, quando la Norvegia era sotto l’occupazione tedesca. Poco dopo la guerra, Kari si sottopose a un intervento chirurgico, il primo eseguito in Norvegia, per una patologia cardiaca. Nel periodo postoperatorio, la giovane promise a Dio che sarebbe diventata cristiana se lui l’avesse aiutata a guarire.

Quel voto la condusse a una ricerca che si concluse quando un pastore, conosciuto tramite un parente avventista, le diede una copia del libro La via migliore di Ellen G. White. Dopo aver seguito un corso per corrispondenza di Voice of Prophecy e una serie di studi biblici, Kari decise di diventare avventista del settimo giorno, anche se ciò causò problemi a casa quando rifiutò la tradizionale cena di Natale a base di carne di maiale. Infuriato, il padre la cacciò di casa e la giovane si trasferì da una zia.

In seguito andò a studiare teologia nel collegio avventista della Danimarca. Lì incontrò Jan, , norvegese anche lui, che l’aiuto nella difficoltà con la lingua danese e negli studi. L’amicizia e poi l’amore crebbero tra di loro, e la coppia si sposò prima che Jan andasse alla Andrews University, negli Stati Uniti, per continuare la sua formazione. Kari lo seguì presto. Il loro matrimonio è stato rallegrato dall’arrivo di tre figli: Laila, Jan Rune e Rein Andre.

Terminati gli studi, la coppia andò in Africa, prima in Ghana e poi in Nigeria, dove Jan Paulsen fu presidente dell’Adventist College of West Africa, ora Babcock University. I problemi di salute di Kari peggiorarono durante la permanenza africana e la accompagnarono per tutta la vita.

«Ho avuto diverse malattie e questa prossimità con la morte ti influenza e influenza il rapporto con il Signore» ragionava Kari nell’intervista al Ministry «In qualche modo ti affidi maggiormente a lui. È importante stare vicino a Dio, pregare, leggere. È una sorta di costante promemoria che questa vita potrebbe non durare così a lungo».

Nel 2015, Pacific Press ha pubblicato Against All Odds, il memoriale di Kari Paulsen sulla sua vita da cristiana, la lotta contro la malattia cronica e le tragedie familiari.

«Kari Paulsen ha fatto capire cos’è la resilienza a me e a migliaia di credenti per i quali la sua storia di vita così difficoltosa è stata di grande incoraggiamento» ha affermato Bill Knott, direttore esecutivo di Adventist Review.

«La sua onestà e il suo spirito» ha aggiunto «hanno aiutato molti di noi a capire come la grazia abbia intersecato i nostri momenti di dolore fisico e di delusione. Ci ha ricordato, con le sue parole e il suo esempio, che il Signore ha sempre l’ultima parola e che la parola di Dio è un bene profondo per noi».

Le esequie si sono tenute il 20 gennaio in Norvegia. Al posto dei fiori, la famiglia ha chiesto di fare delle donazioni all’orfanotrofio e alla scuola Life Hope nella Repubblica Democratica del Congo. Jan Paulsen ha osservato: «Kari ha donato spesso fondi per mantenere viva la scuola e vorrebbe che ciò continuasse anche dopo la sua dipartita».

[Fonte: Adventist Review]

Produttore

Condividi