Basi fisse fondate sulla Parola stessa di Dio, quelle in cui si definisce la morte come un sonno di inattività e incoscienza. C’è, perciò, incompatibilità fra immortalità naturale e resurrezione, e Gesù risuscitando dai morti ci propone quest’ultima. La Bibbia presenta un grande messaggio di speranza, la nostra vita è nascosta con Cristo in Dio.

Carmen Zammataro e Mario Calvagno ne parlano con il pastore Francesco Mosca, direttore del mensile “Il Messaggero Avventista” e Vicepresidente della Federazione delle Amicizie ebraico-cristiane in Italia.

Condividi