Evento culturale tenuto a Gaeta.

Sandra Cervone – “Comprendimi”, “Salvami”, “Resuscitami”: non solo “titoli” di due canzoni e di un’intera silloge poetica, ma veri e propri “imperativi- preghiera” che hanno determinato il successo e la meraviglia della serata culturale tenutasi a Gaeta, nella chiesa avventista di via dei Frassini, il 18 gennaio scorso.

Alla voce potente di Emanuela Di Martino, vincitrice dell’edizione 2019 del talent “J-Factor”, ha fatto eco quella timida dell’emozionatissima Laura Palumbo, ventenne di Sciacca arrivata dalla Sicilia per presentare la sua opera prima edita da deComporre Aps. E il tutto è stato impreziosito dalla presenza di un altro giovane poeta, Salvatore Rosella, che si è alternato con Laura nella lettura di versi d’amore, amicizia, senso della vita, riflessivi, in un crescendo che ha coinvolto il folto pubblico e che ha lanciato un forte messaggio di speranza e incoraggiamento.

“Le parole sono come esseri viventi” diceva Victor Hugo e, come tali, vanno accolte e riproposte, con il rispetto, l’attenzione, la delicatezza che meritano. I due giovani poeti hanno quindi letto le loro creazioni in versi intrecciandole con maestria e ne è venuto fuori un dialogo tenero e intenso che ha ben rappresentato lo stato d’animo dei ventenni del nostro tempo. Timori, incertezze, domande esistenziali ma anche capacità di scelte importanti al momento opportuno, richieste accorate di comprensione e ascolto.

Lo hanno sottolineato bene gli altri intervenuti alla serata: la giornalista Miriam Jarrett, il pastore Alan Codovilli, referente nazionale della Gioventù Avventista, e il dinamico Davide Malaguarnera, ministro di culto della distretto avventista di Gaeta, Cellole e Castelvolturno. La presenza di Emanuela Di Martino ha focalizzato ancor meglio la dirompente forza dell’Amore che, rivolto a Dio o alla poesia stessa, non può che migliorare le nostre esistenze e proiettarci con più grinta verso un futuro di  testimonianza e impegno sociale e culturale. “Comprendersi”, del resto equivale a “Salvarsi”, guardare insieme verso l’unica meta della “risurrezione” dagli abissi della paura e dell’insoddisfazione, dell’ingiustizia e della solitudine in cui il mondo sembra destinato a sprofondare, e che con la fede alcuni, con la cultura tutti, potremo e possiamo invece ancora “salvare”!

Essere poeti, per dirla con Pablo Neruda, è dunque una sorta di missione, proprio come succede per quanti si sentono chiamati da Gesù sulle strade del mondo.

Leggi qui la recensione al libro Comprendimi.

Produttore

Condividi

News Avventisti

Articoli recenti