Prove di fuga e il rischio che lo sport diventi altro

Prove di fuga e il rischio che lo sport diventi altro


Nel corso della trasmissione in diretta del 24 ottobre 2022, Roberto Vacca e Claudio Coppini intervistano per RVS Jonathan Di Maggio

Tra i temi affrontati: Fuga del Napoli? Lazio grande competitor con Inter e Milan; il VAR da solo non basta; il problema delle tifoserie violente.

Fuga e ricerca di senso

Fuga e ricerca di senso


«Dio promette la vita eterna. Noi la recapitiamo a domicilio». Così recita il volantino pubblicitario di una droga, il Chew-Z, che arriva sul mercato interplanetario in uno dei romanzi più spaesanti di Philip K. Dick, Le tre stigmate di Palmer Eldritch (1964). Così comincia l'articolo apparso sul Corriere della Sera del 12 settembre a frma di Alessandro D’Avenia, da cui prende spunto la riflessione del pastore avventista Nino Plano, intervistato da Claudio Coppini e Roberto Vacca nel corso della trasmissione in diretta su RVS del 13 settembre 2022. Tra i temi affrontati: le fughe pericolose dalla vita; la preghiera come rifugio e ricerca e non come via di fuga; la vita eterna concepita come ritorno agli affetti nel futuro della resurrezione ma anche come restituzione di senso per questa vita.

 

“Sfogliando il giornale” con Paolo Naso (26 agosto 2021)

“Sfogliando il giornale” con Paolo Naso (26 agosto 2021)


In questa intervista tratta dalla diretta RVS del 26 agosto 2021, Claudio Coppini e Roberto Vacca commentano alcune notizie del giorno con il politologo Paolo Naso, coordinatore del progetto Mediterranean Hope della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia (FCEI)

Tra i temi affrontati: Emergenza Kabul e corsa per salire sugli aerei, rischio attentati; Sinodo delibera corridoi umanitari.

La trasmissione dedicata all'attualità su RVS – condotta da Claudio Coppini e Roberto Vacca – la potete ascoltare ogni giorno dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle ore 10

La “fuga” degli eserciti occidentali e il dramma del popolo afgano

La “fuga” degli eserciti occidentali e il dramma del popolo afgano


La riflessione in agro-dolce di questa settimana non poteva non avere a che fare con la drammatica situazione che sta vivendo il popolo afghano.
Il  frettoloso ritiro degli eserciti occidentali dall’Afghanistan ha di di fatto abbandonato una quota di popolazione alla tirannia e alla violenza.
Ci si chiede quali erano i reali motivi della presenza americana e quali le ragioni del fallimento.
La democrazia non si esporta con le armi, ma favorendo l’evoluzione, la cultura, il benessere e la dignità delle popolazioni, la liberalizzazione dei costumi e dei diritti universali.
Alcune donne afgane, con la loro lotta eroica, impari, contro i fucili dei maschi, contro il mondo ristretto e violento dei prepotenti religiosi, saranno ricordate da figli, nipoti, bisnipoti, come le antesignane di una nuova Storia.

La “fuga” degli eserciti occidentali e il dramma del popolo afgano

La “fuga” degli eserciti occidentali e il dramma del popolo afgano


La riflessione in agro-dolce di questa settimana non poteva non avere a che fare con la drammatica situazione che sta vivendo il popolo afghano.
Il  frettoloso ritiro degli eserciti occidentali dall’Afghanistan ha di di fatto abbandonato una quota di popolazione alla tirannia e alla violenza.
Ci si chiede quali erano i reali motivi della presenza americana e quali le ragioni del fallimento.
La democrazia non si esporta con le armi, ma favorendo l’evoluzione, la cultura, il benessere e la dignità delle popolazioni, la liberalizzazione dei costumi e dei diritti universali.
Alcune donne afgane, con la loro lotta eroica, impari, contro i fucili dei maschi, contro il mondo ristretto e violento dei prepotenti religiosi, saranno ricordate da figli, nipoti, bisnipoti, come le antesignane di una nuova Storia.

Pin It on Pinterest