Generazioni a confronto. Meglio non fare il garante né il pigro

Generazioni a confronto. Meglio non fare il garante né il pigro


Il capitolo 6 dei Proverbi inizia con due sollecitazioni: non mettersi a garante per il prossimo e non essere pigri. Le espressioni “essere prigionieri delle parole pronunciate” e “va', pigro, alla formica; considera il suo fare e diventa saggio!” sono di per sé eloquenti…

Mario Cavagno intervista Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Generazioni a confronto. La correzione del Signore

Generazioni a confronto. La correzione del Signore


La riprensione e l’educazione, queste le due caratteristiche di Dio come padre affettuoso, descritte in Proverbi 3:11,12. Unire l’amore e la disciplina costituisce una sfida per un educatore. Come si può mantenere questo equilibrio? In Proverbi 3:27-31, inoltre, si trovano vari inviti ad astenersi dal male. Qual è la relazione tra l’insegnamento impartito, anche attraverso la correzione, e il comportamento?

Mario Cavagno e Carmen Zammataro intervistano Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Generazioni a confronto. Nonni e nipoti

Generazioni a confronto. Nonni e nipoti


“Conosco la tua fede sincera, la stessa fede che animò prima tua nonna Lòide, poi tua madre Eunìce, ed ora anima anche te”, questo il testo biblico di 2 Timoteo 1:5 che collega tre generazioni. Quali insegnamenti possiamo trarne? Le differenze tra ieri e oggi nella trasmissione di alcuni valori seguono dinamiche differenti, ma i confronti generazionali rimangono sempre basilari.

Mario Cavagno e Carmen Zammataro intervistano Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Generazioni a confronto – L’istruzione dei giovani nel libro dei Proverbi

Generazioni a confronto – L’istruzione dei giovani nel libro dei Proverbi


Saggezza, intelligenza e discernimento, concetti espressi da Salomone, interagiscono nella formazione alla vita di un giovane. Come possono incidere nella relazione tra giovani e adulti?

Mario Calvagno e Carmen Zammataro ne parlano con Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Generazioni a confronto – Giuseppe. La riconciliazione con i fratelli

Generazioni a confronto – Giuseppe. La riconciliazione con i fratelli


Siamo giunti a una nuova svolta nella vita di Giuseppe. Quali prospettive si aprono ora che è il plenipotenziario del faraone? La riconciliazione di Giuseppe con i suoi fratelli, e non una eventuale vendetta, che cosa può insegnarci in rapporto al confronto fra generazioni?

Mario Calvagno e Carmen Zammataro ne parlano con Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Ucraina: esperienze con la chiesa avventista di Bologna

Ucraina: esperienze con la chiesa avventista di Bologna


In questo periodo in cui la guerra è qui in Europa, con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, raccogliamo l’esperienza vissuta dalla chiesa avventista di Bologna, frequentata da 15 persone ucraine che vivono in Italia da tempo. Quali sono gli aiuti concreti? Raccogliamo anche la testimonianza personale di Valentina, in contatto con i suoi familiari nel proprio paese. In momenti come questo la speranza è molto importante, per tutti. Intanto, per chi vive situazioni molto difficili, per chi è vicino, per chi è lontano…

Mario Calvagno e Carmen Zammataro ne parlano con Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena e con Valentina.

Generazioni a confronto (24) – Giuseppe. Un giovane in prigione

Generazioni a confronto (24) – Giuseppe. Un giovane in prigione


Giuseppe, ingiustamente rinchiuso in prigione si relaziona con gli adulti che condividono la cella con lui. I sogni costituiscono il filo conduttore. Qual è la sua nuova situazione e quali novità accadono? Ancora una volta, gli si presenta l’opportunità di un futuro migliore di quello che sembrava prospettarsi, tanto che potrà uscire di prigione. Come avviene la sua liberazione?

Mario Calvagno e Carmen Zammataro ne parlano con Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Generazioni a confronto (23) – Giuseppe. Un giovane in un mondo nuovo

Generazioni a confronto (23) – Giuseppe. Un giovane in un mondo nuovo


Giuseppe, arrivato in Egitto, viene acquistato al mercato degli schiavi da Potifar, capo delle guardie del Faraone. In breve, grazie alle sue qualità e alla sua capacità di resilienza, diventa maggiordomo con la responsabilità di amministrare tutta la casa del suo padrone. È un giovane bello, e la moglie di Potifar indirizza su di lui le sue mire. Come reagirà Giuseppe e cosa succederà?

Mario Calvagno e Carmen Zammataro ne parlano con Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Generazioni a confronto (22) – Giuseppe. Rapporto con la famiglia

Generazioni a confronto (22) – Giuseppe. Rapporto con la famiglia


Figlio di Giacobbe e Rachele, il suo nome ebraico è Yohsèf, che significa "Yahvè aggiunga"; nome scelto dalla madre che finalmente aveva partorito un figlio molto atteso. Ma Giacobbe ha anche figli più grandi, avuti dalle altre mogli, che cominciano a essere arrabbiati e invidiosi perché Giuseppe è il prediletto dal padre. A che cosa porteranno questi sentimenti?

Mario Calvagno e Carmen Zammataro ne parlano con Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Generazioni a confronto (21) – Sanremo: età e stili

Generazioni a confronto (21) – Sanremo: età e stili


In questa puntata ci focalizziamo su un appuntamento per molti aspetti culturale e tutto italiano: il Festival di Sanremo. La Kermesse vede vari adulti tra i protagonisti e soprattutto molti giovani che si esibiscono con le loro voci. Quali messaggi vengono trasmessi con le loro canzoni?

Mario Calvagno e Carmen Zammataro ne parlano con Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Generazioni a confronto (20) – Eliseo e la maledizione dei giovani

Generazioni a confronto (20) – Eliseo e la maledizione dei giovani


Eliseo è un profeta di Dio, l’erede di Elia che davanti ai suoi occhi era salito in cielo in un turbine su un carro di fuoco con cavalli di fuoco, dice la Bibbia. E nel primo periodo della sua investitura come profeta accade un episodio narrato in 2Re 2:23. “Poi di là Eliseo salì a Betel; e, mentre camminava per la via, uscirono dalla città dei ragazzi, i quali lo beffeggiavano, dicendo: «Sali, calvo! Sali, calvo!». Egli si voltò, li vide, e li maledisse nel nome del Signore. Allora due orse uscirono dal bosco e sbranarono quarantadue di quei ragazzi”.

È un fatto duro, cruento, in merito al rapporto fra generazioni. È andata realmente come sembra a prima vista? In quale altro modo si può interpretare?

Mario Calvagno intervista Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Generazioni a confronto (19) – Il nipote di Paolo, un giovane attento

Generazioni a confronto (19) – Il nipote di Paolo, un giovane attento


Atti degli Apostoli 23:12-22 narra del complotto per uccidere Paolo. Un suo nipote lo scopre per caso e arriva davanti al comandante della fortezza, un tribuno romano. Il ragazzo trova attenzione, nonostante la sua età, la sua etnia diversa e la sua appartenenza a un popolo sottomesso dai romani. In che modo si potrebbero applicare oggi, dagli adulti ai giovani, i concetti fondamentali dell’ascolto, della valorizzazione, della considerazione?

Mario Calvagno e Carmen Zammataro intervistano Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Pin It on Pinterest