In una lettera indirizzata alla Chiesa globale, l'Unione avventista ucraina esprime gratitudine per il sostegno ricevuto dall’inizio della guerra.

Notizie Avventiste – La Chiesa avventista in Ucraina ha voluto concludere il 2022 esprimendo gratitudine per la solidarietà e il sostegno ricevuti nel difficile periodo di guerra che è ancora in corso. Pubblichiamo la lettera indirizzata alla denominazione in tutto il mondo.

“A nome dell'Unione di Federazioni delle Chiese Avventiste del Settimo Giorno in Ucraina, dei suoi amministratori, pastori e membri, esprimiamo la nostra sincera gratitudine a voi, cari fratelli e sorelle della Chiesa globale e dirigenti dei diversi livelli della denominazione.

Non avete lasciato sola la Chiesa in Ucraina davanti alla terribile tragedia della guerra che porta tanto dolore, afflizione, distruzione, sofferenza e morte nella nazione. Il vostro sostegno, che è stato dato e continua ad arrivare dalle varie Regioni della Chiesa nel mondo, nei suoi vari livelli, semplicemente ci stupisce per il vostro amore, le vostre costanti preghiere e il vostro sacrificio. Questo ispira noi amministratori, direttori di dipartimenti e istituzioni, e pastori a servire Dio e le persone. Ciò ispira la Chiesa ucraina a compiere la missione di Cristo nonostante le circostanze difficili.

Oggi nel Paese ci sono gravi interruzioni nella fornitura di energia elettrica o manca del tutto. Quasi il 50% del sistema energetico ucraino è stato distrutto o danneggiato da missili e attacchi di droni sulle infrastrutture critiche del Paese, con conseguenti interruzioni di Internet e comunicazioni mobili. Mancano l’elettricità, il riscaldamento, l’acqua, ecc. In generale, le difficoltà sono notevoli, sia per il Paese nel suo insieme sia per la Chiesa in particolare.

Tuttavia, nonostante questi problemi, la Chiesa in Ucraina, grazie al Signore, grazie al sostegno della famiglia avventista globale e grazie alla dedizione e lealtà dei pastori e dei membri, continua a svolgere la missione e a condividere il messaggio di salvezza di Cristo. La Chiesa rimane attiva nel ministero sociale ed evangelistico.

Il mondo intero aiuta il nostro Paese e il popolo ucraino in ogni modo possibile affinché possiamo resistere e sconfiggere il male che è arrivato nella nostra terra. Come Chiesa, comprendiamo che oltre al servizio sociale, è nostro dovere dare al nostro popolo, bambini, soldati e funzionari, il pane spirituale, che è la Bibbia. Purtroppo, a parte noi, nessuno se ne occuperà, per questo è stato creato il progetto ‘1.000.000 di Bibbie per l’Ucraina’. Se qualcuno nelle vostre Regioni, Unioni, Federazioni o chiese locali volesse aiutare l'Ucraina in qualche modo, allora il sostegno a questo progetto è ciò di cui abbiamo bisogno. Condividiamo con voi il link del sito web di questo progetto, www.bibleforukraine.com, dove potete trovare il sogno straordinario che lo ha ispirato, gli aggiornamenti e i rapporti.

Ancora una volta, ringraziamo profondamente Dio e vi chiediamo di accettare la nostra gratitudine per ciò che avete fatto. Avete dimostrato che siamo veramente una famiglia mondiale. Apprezziamo il vostro supporto nel rendere questo momento meno difficile.

Possa il Signore benedire abbondantemente voi, le vostre famiglie e le vostre chiese. Possa il Salvatore portare la pace in Ucraina e nel mondo intero. Possa Gesù Cristo tornare in questo miserabile mondo per distruggere per sempre il peccato e le sue conseguenze, e stabilire il suo regno eterno di pace, felicità e gioia. Vogliamo essere lì con voi un giorno! Maranatha: Vieni, Signore Gesù!”.

Per il Comitato esecutivo dell'Unione avventista ucraina
Stanislav Nosov, presidente; Volodymyr Velechuk, segretario generale; Vitalii Kryvoi, tesoriere.

 

 

 

 

Produttore

Condividi