Brasile. Libertà religiosa e vita quotidiana
7 Maggio 2024

Una recente decisione sull’uso dell’abbigliamento religioso nei documenti ufficiali del Paese sudamericano ci ricorda che questa libertà tocca molti aspetti dell’esistenza.

Notizie Avventiste – I giudici della Corte Suprema Federale (Stf) del Brasile hanno deciso all’unanimità, lo scorso 17 aprile, che è costituzionale indossare abiti religiosi nelle foto dei documenti ufficiali. La risoluzione si basa sulla sentenza del caso di una suora che ha denunciato la motorizzazione dello stato brasiliano del Paraná. Alla suora era stato impedito di vestire l’abito talare in una foto della patente di guida nazionale, mentre nelle foto dei documenti precedenti (patente e carta d’identità) la religiosa lo indossava.

La decisione ha portato alla ribalta la questione della libertà religiosa e della sua influenza nella vita quotidiana delle persone. Oltre al lavoro e alla scuola, il diritto alla libera espressione religiosa può riguardare altri aspetti della vita, anche basilari, come i documenti personali.

Per comprendere meglio il significato di una tale decisione della Stf, l’Agenzia di stampa avventista sudamericana (Asn) ha intervistato l’avvocata Stefanne Amorim Ortelan, responsabile della protezione dati (Rpd) della Chiesa avventista sudamericana e dei settori educazione e responsabilità civile. È anche membro dell’Associazione nazionale dei giuristi evangelici (Anajure). Stefanne ha partecipato ai dibattimenti davanti alla Stf durante il suddetto processo.

Rilevanza della decisione
Asn: Quanto è importante la lotta per la libertà e il rispetto delle abitudini religiose, e anche dell’abbigliamento, come è avvenuto nel processo a cui ha recentemente partecipato?
Stefanne Amorim Ortelan: La lotta per la libertà è essenziale per garantire che tutti abbiano il diritto di praticare la propria religione ed esprimere autenticamente le proprie convinzioni. Ciò include il diritto di vestirsi secondo i propri precetti di fede. Il rispetto delle abitudini e dell’abbigliamento religioso è una parte fondamentale del rispetto della libertà religiosa e della diversità culturale.

Quando le persone sono libere di seguire le proprie convinzioni religiose e di indossare abiti che le riflettono, si promuove la tolleranza, la comprensione e l’armonia tra i diversi gruppi religiosi e culturali di una società. Inoltre, proteggere queste libertà individuali aiuta a garantire che nessuno venga discriminato o emarginato a causa della propria fede o del proprio abbigliamento.

Per quanto riguarda gli abiti religiosi o l’abbigliamento come l’hijab, ad esempio, è un errore considerarli un accessorio. Fanno parte dell’identità. La persona è già socialmente riconosciuta per avere quell’abitudine, e non viceversa.

Legislazione brasiliana
Asn: In quanto avvocata cristiana e avventista, ritiene che la legislazione brasiliana abbia fatto passi avanti nel rispetto della libertà religiosa in generale?
S.A.O.: La legislazione brasiliana ha fatto progressi in alcuni aspetti legati alla libertà religiosa, ma deve affrontare sfide e battute d’arresto anche in altri. Dalla Costituzione brasiliana del 1988, la libertà religiosa è garantita come diritto fondamentale, tutelando i luoghi di culto e il libero esercizio della propria fede, e vietando l’intolleranza religiosa.

Sulla base di questa garanzia costituzionale, la magistratura è stata ampiamente provocata e ha preso decisioni importanti su diverse questioni di libertà religiosa. Come, ad esempio, nel caso della sentenza sui giorni di riposo per motivi di fede, che secondo per me è stata estremamente importante per garantire agli osservatori del sabato il diritto di sostenere in giorni alternativi un esame pubblico e di partecipare all’Enem, nonché di frequentare le lezioni e gli esami che venivano impartiti il sabato, con gli stessi diritti degli altri partecipanti e studenti.

Tuttavia, ci sono ancora delle sfide e una lunga lotta da affrontare per garantire, preservare ed espandere il diritto alla libertà di coscienza e di credo, frenare le pratiche discriminatorie e incoraggiare il dialogo, e garantire il pieno rispetto e la protezione di questo diritto fondamentale per tutti i cittadini. A tal fine, gli avvocati specializzati nella difesa dei diritti civili lavorano individualmente e collettivamente affinché la difesa della libertà religiosa sia nell’agenda di tutti.

Come avvocata cristiana, avventista del settimo giorno, in collaborazione con Anajure, partecipo in qualità di “amica del tribunale” a una causa in cui la parte interessata è una suora cattolica; in altre parole, anche se abbiamo religioni diverse, il nostro diritto alla libertà di coscienza e di credo è lo stesso e deve essere ampiamente difeso, senza preferenze.

Linee guida
Asn: Cosa consiglierebbe a chi non si sente rispettato nel proprio diritto alla libertà religiosa sul lavoro, a scuola o anche nell’universo digitale?
S.A.O.: È importante adottare delle misure per eliminare il problema, ma in modo costruttivo ed efficace. Il primo passo è conoscere i propri diritti e capire se un determinato approccio è discriminatorio. Anche la comunicazione è essenziale. A chi non si sente rispettato consiglierei di parlare con la persona coinvolta, al lavoro, a scuola o in ambito digitale. Esprimi chiaramente le tue preoccupazioni e spiega quali comportamenti influenzano o violano la tua libertà di religione o di credo.

Se non ti senti a tuo agio nell’affrontare direttamente la situazione, cerca il sostegno di colleghi, insegnanti, compagni di classe o amici che possano offrirti supporto morale e consigli su come gestire la situazione, o qualcuno che interceda per tuo conto.

Se la situazione persiste e non può essere risolta in modo informale, valuta la possibilità di segnalare il caso alle autorità competenti. Ciò può includere le risorse umane sul posto di lavoro, l’amministrazione dell’istituto scolastico o le piattaforme digitali pertinenti.

Cerca assistenza legale e supporto comunitario. Se necessario, consulta un avvocato specializzato in diritti civili o libertà religiosa per avere indicazioni sulle tue opzioni legali. Cerca anche il sostegno della tua comunità religiosa o spirituale.

La situazione in ambito digitale è un po’ più complessa, in quanto può coinvolgere sconosciuti o profili fake, per questo è importante segnalare la pagina, documentarla (conservare le prove) ed effettuare una segnalazione formale sulla piattaforma o sul social network. Se persiste, considera un’azione legale.

È importante ricordare che hai il diritto di praticare liberamente la tua religione e di essere trattato con rispetto e dignità in tutti gli ambiti della vita.
Non esitate ad agire per proteggere i vostri diritti e promuovere l’uguaglianza e la giustizia.

(Foto: Sintespe. Fonte: noticias.adventistas.org/pt/)

Condividi su:

Notizie correlate

4
Giuda e la “grazia a buon mercato”

Giuda e la “grazia a buon mercato”

Avere le chiavi per non essere ingannati con un vangelo diverso è fondamentale per i cristiani. Marcos Blanco – Nel 2006, la rivista National Geographic ha sorpreso il mondo in generale, e il cristianesimo in particolare, con la pubblicazione di un video documentario...

Delibere Uicca marzo e maggio 2024

Delibere Uicca marzo e maggio 2024

  Pubblichiamo le delibere di carattere generale votate dal Comitato esecutivo dell’Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del Settimo Giorno (Uicca), riunitosi a Firenze nella sua prima seduta il 26 e 27 marzo e nella sua seconda seduta il 7 e l'8...

Bolzano. Presentazione al tempio

Bolzano. Presentazione al tempio

  Daniela Munteanu – Sabato 20 aprile, nella chiesa avventista di Bolzano, abbiamo avuto la gioia di celebrare la presentazione al tempio della piccola Ester, primogenita di Sefora Morreale e Andrea Calliari. Erano presenti parenti e amici sia dalla nostra città...

Raduno dell’Adriatico 2024 a Cervia

Raduno dell’Adriatico 2024 a Cervia

  Sara Franconi, Elisa Soranna, Sara Civerchia – Dal 5 al 7 aprile, si è tenuto a Cervia (RA) il secondo Raduno dell'Adriatico. I giovani e i Compagnon (16-21 anni) delle chiese avventiste di Bologna, Forlì, Cesena, Jesi e Ancona, guidati dai rispettivi...

Culto evangelico Rai Radio 1. Sotto terra

Culto evangelico Rai Radio 1. Sotto terra

  Domenica 26 maggio, alle 6,35 del mattino, potremo ascoltare una nuova puntata del Culto evangelico sintonizzandoci su Rai Radio 1. Angelo Reginato, pastore battista, terrà la predicazione intitolata “Sotto terra”, basata sul testo di Filippesi 2:5. Il...

Come parlare per essere ascoltati

Come parlare per essere ascoltati

  Qual è il segreto di una comunicazione efficace, comprensibile e armoniosa?    Carmen Lăiu – “Il problema della comunicazione è l’illusione di averla compiuta” (George Bernard Shaw). Il desiderio di essere ascoltati è profondamente radicato dentro di noi....

Torino. Ritiro spirituale GA e Compagnon

Torino. Ritiro spirituale GA e Compagnon

  Emanuele Di Maggio – Nel weekend dal 3 al 5 maggio, presso la struttura “Le Casermette” di Bobbio Pellice (TO), si è tenuto il ritiro spirituale dei giovani (GA) e dei Compagnon (16-21 anni) della comunità avventista di Torino. Il past. Nicolò D’Elia è stato il...

Novara. Scout in visita ai nonni della casa di riposo S. Antonio

Novara. Scout in visita ai nonni della casa di riposo S. Antonio

  Monica Carozzi – Sabato 4 maggio è stato molto speciale, giacché il gruppo Aisa di Novara ha fatto visita agli ospiti della casa di riposo “S. Antonio” di Ameno. I nostri scout hanno potuto conoscere le testimonianze toccanti sulla fine della Seconda guerra...

Padova. Compleanno speciale

Padova. Compleanno speciale

  Donatella Listorti – La mattina di sabato 4 maggio, la chiesa avventista di Padova ha vissuto un momento bellissimo. Il Dipartimento locale della Famiglia ha organizzato una breve cerimonia per festeggiare i 97 anni di Franco Bellunato, colportore evangelista...

Casa Mia festeggia due ospiti centenarie

Casa Mia festeggia due ospiti centenarie

  Il sindaco di Forlì e l’assessora al welfare portano i saluti della città. Notizie Avventiste – Quando una persona raggiunge il secolo di vita fa già notizia, ma se i compleanni così longevi sono due, allora la voce giunge fino in municipio. È accaduto a Forlì....

5

Pin It on Pinterest