Diverso il modo di relazionarsi di Marta e Maria nei confronti di Gesù. Laboriosità dell’una e ammirazione dell’altra fanno la differenza. L’una è attiva ma il suo impegno l’ha separata dal maestro. L’altra è contemplativa e in atteggiamento di ascolto si pone a sedere ai piedi di Gesù come un discepolo (uomo), superando i ruoli stereotipati.

Mario Calvagno e Carmen Zammataro intervistano Gianni Caccamo, pastore delle chiese avventiste di Bologna, Forlì e Modena.

Condividi