EUD. Ferma e incondizionata condanna agli atti di terrorismo, violenza e oppressione
15 Gennaio 2016

Eud News logoIn un comunicato stampa, la Chiesa avventista europea chiede che si fermino le armi, l’odio e la violenza. “Siamo tutti fratelli e sorelle, figli di uno stesso Padre”.

EUD news – All’indomani dell’ultimo attacco terroristico, avvenuto a Giacarta, in Indonesia, la Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno della Regione Intereuropea (EUD) ha diffuso un comunicato in cui condanna fermamente ogni atto di violenza e oppressione. Esprime cordoglio per le famiglie delle vittime degli attacchi e chiede ai credenti di essere vicini a chi soffre in questo tempo di angoscia.

Il comunicato afferma:

“Francia, Siria, Tunisia, Turchia, Egitto, Indonesia… l’elenco dei paesi colpiti dagli attacchi terroristici si allunga ogni giorno e non si ferma. Il mondo intero sembra essere destabilizzato, in preda a paura, terrore e confusione. L’Occidente, fino a pochi anni fa luogo fiorente, prospero e sicuro, vive ora momenti di ansia e di profonda insicurezza. Le grandi città europee sono militarizzate e sotto stretto controllo. La paura è palpabile ovunque. Le istituzioni appaiono fragili e sembrano non garantire più la stabilità materiale e spirituale. Le persone sono alla disperata ricerca di pace, serenità e sicurezza.

Alla luce di tutto ciò vogliamo, prima di tutto, esprimere sincero cordoglio alle famiglie delle vittime degli attentati terroristici. Possano le nostre preghiere e i nostri pensieri confortarli in questo momento di dolore, rabbia e tristezza. Possa il nostro amore abbracciarli tutti insieme. Preghiamo anche che il Signore, nostro Dio, riempia i loro cuori con la certezza della vita eterna, quando potremo vivere con gioia e letizia nella comunione fraterna, e la morte e il dolore non ci saranno più!

Ferma e incondizionata è la nostra condanna di tutti gli atti di terrorismo, violenza e oppressione. Chiediamo che l’uso delle armi, l’odio e la violenza cessino! Siamo tutti fratelli e sorelle, figli di uno stesso Padre.

Le Chiesa cristiana avventista si impegna, per quanto le è possibile, a offrire sostegno spirituale e morale tramite le sue istituzioni religiose, sociali e umanitarie.

Incoraggiamo i membri delle chiese a essere vicini a coloro che soffrono in questi tempi di grande angoscia. Che possiamo essere tutti ambasciatori del regno di Dio, portatori della gloriosa certezza del ritorno di Gesù Cristo e di una vita felice nel regno dei cieli”.

Condividi su:

Notizie correlate

Potenza. Nuovo appuntamento con “Chiesa creativa”

Potenza. Nuovo appuntamento con “Chiesa creativa”

Enza Tramutola – Sabato 13 aprile, nella comunità avventista di Potenza si è svolto il quinto incontro del progetto “Chiesa creativa". Alle ore 16.00, tutto era pronto. I responsabili erano nelle loro postazioni addobbate in modo da lasciare, anche questa volta, un...

Terza edizione del Casuccia’s Music Camp

Terza edizione del Casuccia’s Music Camp

“Ma io canterò la tua potenza, al mattino esalterò la tua grazia perché sei stato mia difesa, mio rifugio nel giorno del pericolo.” Salmo 59:17 Numerosi studi hanno dimostrato che la musica influisce sul contatto tra gli individui, prevenendo l’isolamento, favorendo...

Congresso nazionale della gioventù avventista 2024

Congresso nazionale della gioventù avventista 2024

“It’s your turn!” è stato il tema dell’evento. Emanuele Di Maggio – Nel weekend dal 17 al 19 maggio, si è tenuto a Monopoli (BA) il congresso nazionale della gioventù avventista. Eravamo circa 80 presenti tra staff e partecipanti, provenienti da tante chiese d’Italia....

Jesi. Famiglie e mamme in primo piano

Jesi. Famiglie e mamme in primo piano

Patrizia Grilli – Sabato 11 maggio, la chiesa avventista di Jesi ha avuto la gradita visita dei coniugi Anna Calà e Roberto Iannò, direttore nazionale dei Ministeri Avventisti della Famiglia (Maf). Prima del sermone, Anna ha dedicato un momento ai bambini. Ha...

Pin It on Pinterest