Un matrimonio saltato è veramente doloroso soprattutto se la promessa sposa è stata tradita. Ma diventa il massimo della resilienza e della solidarietà se al posto degli invitati previsti ne vengono chiamati altri con “bisogni speciali”.

Rubrica a cura di Mario Calvagno.

Condividi