Nell’ambito del ciclo “I martedì dei diritti umani”, iniziativa organizzata dal gruppo Amnesty di Ferrara, è stato affrontato il tema “Il ruolo di Yahoo!, Google e Microsoft nella violazione dei diritti umani in Cina”. La Libertà d’espressione è uno dei diritti fondamentali; di cosa vengono privati i cittadini in Cina? Come entrano in gioco delle grosse multinazionali dell’informatica come Google, Yahoo! e Microsoft? Quali sono le loro responsabilità? Quali repressioni subiscono a causa di tutto ciò gli attivisti per i diritti umani? Le Olimpiadi si avvicinano: cosa accadrà ai giornalisti stranieri? E per i cinesi ci saranno ulteriori problemi? Quali sono le soluzioni possibili? Intervista a Paola De Pirro, coordinatrice Cina della Sezione Italiana di Amnesty International.

Condividi