Riguardano l’uso etico dell’intelligenza artificiale a tutti i livelli della Chiesa.

Notizie Avventiste – Il Comitato esecutivo della Regione sudamericana della Chiesa avventista ha discusso le questioni etiche legate all’intelligenza artificiale (IA) e, durante il suo incontro annuale a Brasilia, ha adottato delle linee guida per l’uso dell’IA in tutti i livelli della denominazione.

Di recente, OpenAI, la società dietro ChatGpt (un popolare sistema di intelligenza artificiale generativa), ha annunciato investimenti nella protezione dai cosiddetti rischi catastrofici dell’IA. Ciò ha lo scopo di impedire ai sistemi di intelligenza artificiale di ingannare le persone, generare contenuti che incitano all’odio e creare codici dannosi. Un’altra preoccupazione riguarda le capacità dell’IA contro le minacce chimiche, biologiche, radiologiche e nucleari.[1]

Gli esperti prevedono che il mercato dell’intelligenza artificiale generativa raggiungerà un volume di circa 1,3 trilioni di euro entro il 2032. Nel 2022 si stimava che il mercato valesse 40 miliardi di euro. L’intelligenza artificiale generativa viene utilizzata per creare contenuti come testo, immagini, musica, file audio e video. Negli ultimi tre anni tali sistemi sono diventati sempre più popolari.

Preoccupazione degli avventisti 
Anche le organizzazioni religiose sono preoccupate per l’impatto e le conseguenze di questo progresso tecnologico. Una di queste è la Chiesa avventista mondiale, che è consapevole della sua responsabilità perché mantiene una rete di numerose scuole, università, ospedali e organizzazioni di assistenza sociale.

Tale consapevolezza ha portato i dirigenti della denominazione in Sudamerica ad approvare un documento intitolato “Principi etici per l’uso dell’intelligenza artificiale da parte della Chiesa avventista del settimo giorno in Sudamerica” in occasione dell’incontro annuale dei leader avventisti della Regione (Comitato esecutivo) di novembre 2023. Il documento è stato preparato da una commissione di esperti negli ambiti della comunicazione, della tecnologia e della compliance, quest’ultimo preoccupato dell’impegno della Chiesa ad attuare in modo affidabile le decisioni prese. Il documento "si propone di stabilire i principi etici fondamentali che riflettano il punto di vista della Chiesa avventista del settimo giorno sul tema dell’intelligenza artificiale”.

Argomenti affrontati 
Nello sviluppare le linee guida avventiste per l’uso dell’IA, sono stati presi in considerazione i seguenti aspetti: trasparenza, equità, affidabilità, responsabilità, sicurezza, protezione dei dati e sostenibilità. È evidente che un uso eticamente responsabile è il prerequisito per utilizzare l’intelligenza artificiale nella Chiesa. Come attesta il documento, la Chiesa avventista in Sudamerica “si impegna a essere trasparente nell’uso dell’intelligenza artificiale nelle sue attività. Ciò include il fornire informazioni chiare e accessibili ai membri delle comunità avventiste e alla società in generale sui settori in cui verrà utilizzata l’intelligenza artificiale, gli obiettivi previsti e il possibile impatto sul contesto religioso”.

Il documento adottato termina con due importanti osservazioni. La prima riguarda l’interesse della Chiesa a esplorare ulteriormente l’uso delle nuove tecnologie per raggiungere più persone con il messaggio del vangelo. La seconda riguarda la riaffermazione del ruolo strategico degli esseri umani come attori sovrani nelle questioni decisionali quando utilizzano l’intelligenza artificiale nel loro lavoro. Il past. Jorge Rampogna, direttore del Dipartimento Comunicazioni della Regione sudamericana, ha sottolineato le implicazioni etiche dell’uso dell’intelligenza artificiale. “Dobbiamo garantire che l’intelligenza artificiale venga utilizzata in conformità con i principi etici della Bibbia” ha affermato.

La Regione sudamericana supervisiona le Unioni avventiste di Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Ecuador, Isole Falkland, Paraguay, Perù e Uruguay. In tutto questo territorio vivono circa 345 milioni di abitanti; gli avventisti superano i 2,5 milioni e si riuniscono il sabato in oltre 14.000 chiese locali.

Nota
[1] https://exame.com/inteligencia-artificial/por-que-a-openai-do-chatgpt-decidiu-criar-uma-equipe-anti-catastrofe/

[Foto: Gustavo Leighton. Fonte: Noticias Adventistas sudamericana]

 

 

 

 

Condividi