Ovviamente la domanda del titolo è ironica e con un secondo senso. E la storia di questo bimbo, dei suoi fratellini e della sua mamma è molto interessante…

Una storia commentata da Mario Calvagno per aprire la giornata con un sorriso.

Condividi