HopeMedia Italia – Un cristiano avventista pakistano che scontava l’ergastolo è stato condannato a morte. Lo ha reso noto il quotidiano online Uca News
Sajjad Masih Gill, della città di Goira, nella provincia del Punjab, era stato incarcerato con sentenza all’ergastolo perché accusato di per aver inviato un sms (messaggio di testo) ritenuto diffamatorio nei confronti del profeta Maometto. Lo scorso 10 marzo, l'Alta Corte di Lahore ha rinviato alla divisione del tribunale l'appello dell'udienza di Gill dopo aver consentito la revisione penale.

Tutto era iniziato nel dicembre 2011, quando un musulmano aveva denunciato Gill per avergli inviato un controverso messaggio di testo con il cellulare. Nel luglio 2013, il cristiano avventista era stato condannato all'ergastolo e a pagare una multa in rupie corrispondente a 2.000 dollari statunitensi.

Nel 2015, il fratello e il nipote di Gill avevano dichiarato di essere stati attaccati e minacciati da sconosciuti mentre tornavano a casa dopo aver visitato il loro parente nella prigione centrale di Sahiwal, il carcere più grande dell’Asia, con una superficie di 283.280 metri quadrati.

Nel 2016, due avvocati della Legal Evangelical Association and Development avevano segnalato minacce simili fatte da uomini armati sulla strada tra Kasur e Lahore. Entrambi avevano difeso Gill e presentato l’appello all’Alta Corte di Lahore.

Zeeshan Ahmed Awan, uno degli avvocati dell’accusa, ha riferito che il tribunale ha accettato le argomentazioni dell’accusa secondo cui la pena capitale era l'unica condanna possibile per blasfemia, ritenendo l’ergastolo "ripugnante" per le ingiunzioni dell'islam.

Le leggi pakistane sulla blasfemia prevedono la morte come pena massima per qualsiasi insulto al profeta Maometto. Gli attivisti per i diritti umani affermano che queste leggi sono state utilizzate contro i seguaci di altre religioni e di minoranze musulmane come gli sciiti.

Il dott. John Graz, direttore del Centro internazionale per la libertà religiosa e gli affari pubblici (Cilrap), collaboratore del Campus Adventiste du Salève, e che prima del pensionamento era stato responsabile del Dipartimento Affari Pubblici e Libertà Religiosa presso la Chiesa avventista mondiale e direttore dell’International Religious Liberty Association (Irla), ha ricordato di aver lavorato per il rilascio di Gill.

“La situazione delle minoranze religiose, e soprattutto dei cristiani, è molto difficile anche a causa di leggi come quella contro la blasfemia. Questa legge viene talvolta utilizzata, come nel caso citato, come pretesto per eliminare un concorrente. Il problema è che una volta accusato diventi bersaglio di numerosi estremisti in alcune zone, e gli stessi giudici sono minacciati. Il risultato è che una persona innocente può trascorrere anni in prigione o essere uccisa" ha affermato Graz.

Secondo il Centro per la giustizia sociale di Lahore, lo scorso anno è stato segnalato il maggior numero di accusati per blasfemia (200). Dal 1987, la provincia del Punjab ha registrato il più alto tasso di abusi della legge e della religione (76%), seguita dalla provincia del Sindh (19%).

[Fonte: Bia francese]

Produttore

Condividi