E’ stato pubblicato recentemente, per i tipi dell’Editrice Claudiana di Torino, il libro di Lorenzo Tibaldo “Sotto un cielo stellato, vita e morte di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti”, con la prefazione del regista Giuliano Montaldo. In che modo si è sviluppato il lavoro di ricerca dello scrittore? Quanto tempo è durato e di quali fonti si è servito? Come nasce negli Stati Uniti d’America degli anni ’20 quella che poi diventerà la triste vicenda di Sacco e Vanzetti? L’opinione pubblica americana e quella mondiale reagirono in maniera forte contro la palese ingiustizia del processo, durato sette anni, e della condanna a morte. Come fu possibile, vista la situazione, applicare la sentenza del tribunale? Come mai negli Stati Uniti c’era razzismo nei confronti degli Italiani? Nel libro viene dedicato ampio spazio alle vicende umane, ai sentimenti, all’amore familiare, all’amicizia, alla fratellanza, al rispetto. Può la vicenda di Sacco e Vanzetti rappresentare una sorta di testamento per la società di oggi? Mario Calvagno, redattore di RVS, intervista il prof. Lorenzo Tibaldo. Insegna materie letterarie nella scuola superiore e si occupa di storia dell’Ottocento e Novecento, in particolare delle organizzazioni del movimento dei lavoratori e della Resistenza.

Produttore

Condividi