I fatti accaduti con il terremoto sono molto gravi: i morti e i feriti, i danni, la perdita dei beni personali, la scomparsa anche della dimensione umana, sociale ed architettonica di molte città e paesini. Ma le famiglie hanno perso anche gli animali che vivevano con loro: cani, gatti, ecc. Tanti sono morti e sono ancora sotto le macerie, altri sono diventati randagi. Mario Calvagno e Carmen Zammataro, redattori di RVS, intervistano Gianluca Felicetti, presidente della LAV, in merito alle proposte inoltrate dall’associazione alle autorità per evitare ulteriori problemi anche psicologici alle famiglie e ai bambini. E per garantire il benessere agli stessi animali superstiti e alla collettività.

Condividi

Articoli recenti