Se ti perdo, non mi perdo

Se ti perdo, non mi perdo


Con il supporto del Consiglio Regionale della Toscana, dell’Ufficio Scolastico Regionale, di ANCI Toscana e dell’Assessorato all’Educazione del Comune di Firenze, FILE organizza un incontro con dirigenti e docenti scolastici di ogni ordine e grado per aiutarli ad affrontare vissuti e problemi che possono nascere all’interno del gruppo classe quando uno degli studenti vive una perdita significativa.

Per non sottovalutare l’importanza che, durante l’età evolutiva, ha la perdita di una persona cara, è opportuno che gli adulti – familiari, genitori, docenti – riescano a stare in un ascolto attento alle loro domande e bisogni. Spesso il dolore che provano gli adulti riduce la loro capacità di riconoscere quello vissuto dai minori che si manifesta in tempi e modi assai diversi.

Esperienze e ricerche hanno evidenziato quanto poter esprimere le proprie emozioni e condividere i propri vissuti possa attenuare quel senso di disorientamento e solitudine che anche i più piccoli provano, sia in ambito familiare che scolastico. 

“Se ti perdo, non mi perdo” è l’iniziativa formativa gratuita rivolta ai dirigenti e docenti scolastici sul tema dell’aiuto ai giovani studenti che vivono una perdita. In programma mercoledì 22 Marzo, dalle 15 alle 17, presso l’Auditorium Regionale in Via Cavour 4 a Firenze.

Claudio Coppini e Roberto Vacca parlano di questo tema e dell’incontro di Firenze (che potrà essere seguito anche via streaming) con la sociologa Mariella Orsi, di FILE, Fondazione Italiana di Leniterapia.

 

Pin It on Pinterest