I medici del Loma Linda Children’s Hospital hanno fornito la migliore assistenza possibile in circostanze molto critiche.

Notizie Avventiste – Quando Blanca Rodriguez ha visto per la prima volta sua figlia Jade erano separate da una mascherina, un’incubatrice, tubi e fili, racconta Sheann Brandon sul sito della Loma Linda University Health. La loro prima interazione è stata tutt’altro che ideale per mamma e bimba, ma entrambe avevano lottato per la vita contro il coronavirus, poche settimane prima.

Nata prematuramente con un taglio cesareo d’emergenza, Jade è ora sotto la vigile cura di medici e infermieri nell’unità di terapia intensiva neonatale dell’ospedale pediatrico dell’Università californiana Loma Linda (istituzione avventista), negli Stati Uniti. Sua madre le fa visita regolarmente, la tiene stretta, le parla e crea legami con lei.

Ricoverata in gravi condizioni, ora Blanca è guarita e, dopo settimane di isolamento in ospedale per il coronavirus, è tornata in famiglia.
“So che ci vorrà molto tempo prima di poter portare mia figlia a casa, ma aspetto volentieri se questo la terrà al sicuro” ha affermato Blanca “Il Covid-19 non è uno scherzo, soprattutto per le mamme in attesa e per i nascituri. Il virus mi ha quasi ucciso. Sono veramente grata al personale del Loma Linda, per aver salvato la mia vita e quella di mia figlia”.

Era alla ventottesima settimana dei gestazione la mamma trentaduenne di Adelanto, in California, quando, il 24 luglio, era stata portata d’urgenza all’ospedale pediatrico con gravi problemi alle vie respiratorie superiori e difficoltà a respirare. I medici dell’unità di terapia intensiva e di ostetricia avevano iniziato a curala per i gravi sintomi simili alla polmonite, finché non era risultata affetta da Covid-19. Aveva anche sviluppato una sindrome respiratoria acuta e i polmoni si riempivano di liquido. La sindrome ha un tasso di mortalità del 50% nelle donne in gravidanza.

Blanca continuava ad aggravarsi e aveva bisogno di sempre più ossigeno. Riusciva a respirare a malapena da sola ed era attaccata all’ossigeno quando Kanwaljeet Maken, medico di terapia intensiva, l’aveva vista per la prima volta.
“Il giorno in cui ho preso questa paziente sotto le mie cure, ricordo di aver pensato che fosse in una situazione molto preoccupante” ha spiegato Maken “Ci sono stati tantissimi momenti in cui non pensavo che sarebbe sopravvissuta”.

Courtney Martin, dirigente medica per i servizi di maternità, ha spiegato che tre giorni dopo il ricovero di Blanca era diventato chiaro a lei, a Maken e ad altri del team di assistenza che l’organismo della donna stava cedendo. I suoi polmoni non sopportavano più i tentativi di respirare e il suo sistema immunitario non aveva abbastanza forza per combattere la malattia e sostenere la vita della bambina.
“La difficoltà più grande era che stavamo gestendo due vite invece di una” ha affermato Martin “La bambina era ancora troppo prematura per il parto, ma la mamma non si stabilizzava”.

Blanca doveva essere intubata e ventilata. I medici speravano che questo avrebbe permesso al suo corpo di riposare, riprendersi e dare alla bimba il tempo di crescere. Pochi minuti prima di essere intubata, la donna ha salutato la sua famiglia in lacrime su FaceTime. Nessuno sapeva cosa avrebbero riservato le settimane, i giorni o persino le ore successive, ma pareva certo che la battaglia di Blanca sarebbe stata in salita.

Il team della terapia intensiva aveva messo la donna in coma farmacologico, l’aveva intubata e aveva iniziato a lavorare per migliorare la sua assunzione di ossigeno. Tuttavia, nel giro di poche ore, la bambina aveva cominciato a manifestare grave sofferenza ed era stato necessario farla nascere con un taglio cesareo di emergenza. Quasi 25 persone, tra medici e infermieri di terapia intensiva neonatale, terapia intensiva, travaglio, parto e anestesia, si sono accalcate nella stanza per far nascere la bambina, mantenendo in vita la mamma in coma.

Jade è nata nelle prime ore del mattino del 27 luglio. Sebbene la neonata non avesse il Covid-19, versava in condizioni critiche come la mamma. Blanca aveva ricevuto terapia antivirale, steroidi, ossigenazione intensa, plasma convalescente e antibiotici per diversi giorni dopo il taglio cesareo. Jade era sotto ventilazione polmonare nella terapia intensiva neonatale.

“Il pieno recupero di Blanca è a dir poco un miracolo” ha detto Maken. Con il passare dei giorni, il miracolo è continuato. Il 2 agosto, anche se Blanca aveva ancora la febbre alta, la sua situazione respiratoria era migliorata e il suo comportamento sembrava più positivo, cercava anche di ridere. Lo stesso giorno è stata tolta dal ventilatore polmonare. Blanca è stata dimessa dall’ospedale il 6 agosto ed è ritornata in famiglia dopo settimane di isolamento e separazione.

[Foto: Loma Linda University Health News]

Produttore

Condividi