In data 12 dicembre 1921 il Comune di Roma istituiva, in quanto entità amministrativa, il Rione XX, Testaccio. Si festeggia dunque il centenario di un rione sparso di grandi tracce archeologiche e destinato, nella sua urbanizzazione, ad essere propaggine residenziale destinata agli operai addetti ale attività degli insediamenti industriali nati alla fine dell'800 lungo la via Ostiense. 

Il secondo appuntamento con la mostra “Estetica degli opposti” comprende le opere di dieci fotografi: Alessandro Ziantoni, Annamaria Pieri, Daniele Bellucci, Ester Fiorito, Franca Zacchei, Ida Di Pasquale, Massimo Di Tosto, Matilde Damele, Paola Panatta e Valentina Antonucci.
Le fotografie odierne sono messe a confronto con le immagini di archivio tratte dal libro “Testaccio – dove batte più forte er core dei romani” a cura di Roberto Lucignani – Gangemi Editore.
La mostra, a cura di Glauco Dattini, è l'esito conclusivo di una esplorazione del rione Testaccio attraverso lo sguardo degli artisti selezionati, nell'intento di sostenere le arti visive.

Roberto Vacca ha intervistato l'artista Ester Fiorito.

La mostra è visitabile presso “Cantiere Testaccio”, sede Testaccento, in via Bodoni 90/a – Roma fino al 23 dicembre dalle ore 15:00 alle ore 20:00 e nei giorni successivi su appuntamento contattando il numero 3772308161

L’ingresso è gratuito.

Produttore

Condividi