Il pastore Luca Faedda, responsabile dei Ministeri Avventisti per la Gioventù dell’Italia centrale, ci invita a riflettere sull’episodio in cui Gesù calma la tempesta (Marco 4:35-41). Anche noi a volte, come i discepoli, quando ci troviamo in mezzo alle tempeste della vita pensiamo che a Dio non importi dei nostri malesseri, delle nostre sofferenze. Ci sentiamo paurosi e temiamo il peggio. Avere fede significa non avere paura?

Intervista a cura di Alessia Calvagno.

Produttori

,
Condividi