Potere e società

Potere e società

Poco prima della presentazione a Firenze del saggio “Potere e società” (Il Mulino 2023) del sociologo Marco Marzano (Università di Bergamo), Roberto Vacca ha intervistato l’autore per il circuito RVS.

Gli incontri della serie “Libro Amico” sono promossi dal Centro culturale di scienze umane e religiose (CeCsur) della Facoltà avventista di teologia di Firenze.

“La casta dei casti”, intervista a Marco Marzano

“La casta dei casti”, intervista a Marco Marzano


Nel corso della diretta RVS del 30 settembre 2022 Roberto Vacca intervista il professor Marco Marzano, dell'Università di Bergamo, autore del saggio "La casta dei casti. I preti, il sesso e l'amore" (ed Bompiani 2021), storie di vita di preti tra segreti, sensi di colpa e silenzi: dalla formazione in seminario alla vita pastorale. Uno studio sugli effetti meno raccontati del processo di "sacralizzazione" della figura del sacerdote.

Perché la Chiesa cattolica difende il voto di castità per i preti e come affronta la delicata questione dell’affettività per gli appartenenti al clero? In che modo gli anni di seminario trasformano in modo decisivo il rapporto con la sessualità dei futuri preti? A queste domande cerca di rispondere Marco Marzano in questo saggio documentato attraverso l’analisi rigorosa della letteratura scientifica e soprattutto attraverso decine di interviste in profondità a preti e persone che hanno lasciato il sacerdozio. ll quadro che emerge è uno spaccato della vita intima di un ceto sacerdotale formato sin dai seminari dall’istituzione a cui appartiene a nascondere una parte dell’esistenza invece che a viverla pienamente e serenamente. 

“La casta dei casti”, intervista a Marco Marzano

“La casta dei casti”, intervista a Marco Marzano


Nel corso della diretta RVS del 30 settembre 2022 Roberto Vacca intervista il professor Marco Marzano, dell'Università di Bergamo, autore del saggio "La casta dei casti. I preti, il sesso e l'amore" (ed Bompiani 2021), storie di vita di preti tra segreti, sensi di colpa e silenzi: dalla formazione in seminario alla vita pastorale. Uno studio sugli effetti meno raccontati del processo di "sacralizzazione" della figura del sacerdote.

Perché la Chiesa cattolica difende il voto di castità per i preti e come affronta la delicata questione dell’affettività per gli appartenenti al clero? In che modo gli anni di seminario trasformano in modo decisivo il rapporto con la sessualità dei futuri preti? A queste domande cerca di rispondere Marco Marzano in questo saggio documentato attraverso l’analisi rigorosa della letteratura scientifica e soprattutto attraverso decine di interviste in profondità a preti e persone che hanno lasciato il sacerdozio. ll quadro che emerge è uno spaccato della vita intima di un ceto sacerdotale formato sin dai seminari dall’istituzione a cui appartiene a nascondere una parte dell’esistenza invece che a viverla pienamente e serenamente. 

Leggiamo insieme: “La Chiesa immobile – Francesco e la rivoluzione mancata”

Leggiamo insieme: “La Chiesa immobile – Francesco e la rivoluzione mancata”


In questo numero di “Leggiamo insieme” Roberto Vacca intervista il professor Marco Marzano, docente dell’Università di Bergamo, autore del libro: “La Chiesa immobile – Francesco e la rivoluzione mancata” (ed. Laterza).

Il messaggio spirituale di papa Francesco e soprattutto il suo linguaggio rappresentano novità importanti nello scenario religioso globale. Ma il pontefice è stato in grado di riformare la Chiesa e dare inizio a quella grande trasformazione che tanti cattolici e una parte dell’opinione pubblica laica attendevano con trepidazione? In questi primi cinque anni di pontificato, si è parlato di Francesco come di un rivoluzionario, interessato a cambiare radicalmente la Chiesa. È davvero così? I grandi nodi che qualunque riformatore cattolico deve affrontare sono la riforma della Curia, la dottrina morale e della sessualità, il celibato obbligatorio per il clero e il ruolo delle donne. Su ciascuno di questi punti, il libro ricostruisce le istanze di cambiamento e le risposte di Francesco. Il bilancio del papato su tutti questi fronti è decisamente deludente, e del resto riformare la Chiesa è complicato, rischioso e in definitiva inutile: l’organizzazione gode di una salute discreta, almeno fuori dall’Europa; nel vecchio continente, essa soffre di un declino simile a quello di tutte le altre grandi istituzioni religiose. La causa è un processo di secolarizzazione che non può essere arrestato da qualsivoglia riforma. In questa situazione, appare preferibile mantenere intatta la tradizionale fisionomia clericale e centralizzata dell’organizzazione, concentrando l’attenzione, anche mediatica, sui temi sociali ed economici: in questi ambiti, il papa e i gerarchi cattolici non hanno alcuna responsabilità diretta e perciò mai verranno chiamati a rispondere. Un bilancio lucido e controcorrente su una delle figure chiave del nostro presente. (dal sito laterza.it)

Pin It on Pinterest