Save the Children ha pubblicato un rapporto che per la prima volta si occupa dell’influenza diretta dei cambiamenti climatici sulla vita dei bambini. Nonostante questi riguardino il mondo intero, gli effetti del surriscaldamento si ripercuoteranno in maniera più grave nei paesi in via di sviluppo e peggioreranno la già disastrosa condizione dei bambini nel mondo. Attualmente ogni 15 secondi un bambino muore per mancanza d’acqua, ma questi sono dati che peggioreranno nei prossimi anni. Save the Children ritiene che i governi, le organizzazioni umanitarie e l’intera comunità internazionale abbiano il dovere di organizzarsi per mitigare gli effetti che i cambiamenti climatici possano avere sui bambini e le loro comunità. Intervista al dott. Valerio Neri, direttore generale di Save the Children Italia.

Produttore

Condividi