HopeMedia Italia – In un 2020 tanto imprevedibile quanto incerto, il tesoriere generale della chiesa avventista mondiale ha comunicato che le finanze della denominazione sono in pareggio. Nel suo rapporto presentato il 13 aprile al Comitato esecutivo della denominazione globale durante il Consiglio di primavera tenuto online, Juan Prestol-Puesán ha parlato delle sfide affrontate lo scorso anno. 

All’inizio della pandemia la situazione sembrava preoccupante, ma tra fine estate e inizio autunno si era verificato un rialzo costante. "Ho pregato il Signore di permetterci di raggiungere il pareggio per l'anno 2020 e ho detto che pareggiare, o addirittura avere un surplus di 10.000 dollari, avrebbe significato l'avverarsi di un sogno” ha affermato. 
“Oggi” ha subito aggiunto” voglio informarvi che il mio sogno impossibile è diventato realtà e la mia preghiera è stata esaudita con più generosità di quanto pensassi". 
Infatti, ha riferito che l’attivo netto della chiesa mondiale ha registrato un aumento di 67.816 dollari statunitensi, cioè "più di sei volte quello che avevo chiesto al Signore di concederci".

Gestione attenta 
Le benedizioni divine sono arrivate anche grazie a una gestione attenta delle risorse e delle fonti di reddito. "Le operazioni finanziarie della denominazione sono state gestite con prudenza" ha sottolineato Prestol-Puesán. Tra gli altri elementi, le spese sono state abbassate tramite la riduzione del personale e l'eliminazione di alcuni servizi interni e di costi inutili.

Sorprendentemente, le entrate della decima dalla Regione nordamericana, che rappresentano circa la metà del bilancio della chiesa mondiale, sono aumentate dell'1,7% nel 2020, rispetto al 2019. Con una situazione finanziaria più stabile nella seconda metà del 2020, non è stato necessario applicare altre misure di emergenza. 

"Gli stanziamenti per le Regioni e le istituzioni, così come per la Finestra 10/40, non sono stati ridotti" ha spiegato il tesoriere riferendosi agli importi prestabiliti di denaro per il sostegno del lavoro missionario della chiesa nelle aree del mondo in cui il cristianesimo è una fede minoritaria. Inoltre, a dicembre sono state parzialmente ripristinate le assegnazioni ad alcune di queste entità, che erano state sospese a luglio scorso.

Il 2020 si è concluso nell’incertezza così “come era iniziato, ma il Signore è stato con noi e ha fatto la differenza aggiungendo le sue benedizioni ai nostri umili sforzi" ha detto Prestol-Puesán.

A Ray Wahlen, tesoriere associato della chiesa mondiale, il compito di presentare dati più specifici, tra cui il fatto che le decime – il 10% del reddito che gli avventisti restituiscono volontariamente per finanziare il ministero della chiesa – sono diminuite di 128 milioni di dollari nel 2020 (-5,3%). La riduzione è stata probabilmente causata dall'instabilità economica globale e dalle significative fluttuazioni dei tassi di cambio delle principali valute rispetto al dollaro Usa. Questo ha portato la sede centrale della denominazione a intraprendere misure, anche dolorose, per ridurre le spese, e i vari dipartimenti che la compongono a rimandare o annullare iniziative già programmate.

La chiesa globale deve riprendersi anche da una sostanziale diminuzione delle offerte alle missioni, il contributo volontario dei membri della chiesa ai progetti missionari in tutto il mondo. Nel 2020, le offerte sono diminuite di 14,9 milioni di dollari (-20%) rispetto al 2019. Wahlen ha affermato che in questo ambito serve "uno studio urgente e completo" per individuare le ragioni del declino. 

Benedizioni 
Nonostante le continue sfide e incertezze, il tesoriere e il suo team hanno visto le benedizioni del Signore nell’anno passato. “Desideriamo esprimere a Dio la nostra gratitudine per la sua fedeltà e il suo amore" ha detto Prestol-Puesán.

Ha quindi raccontato una delle benedizioni ricevute. Mentre il team della tesoreria chiudeva i conti del 2020, Prestol Puesan ha saputo che la chiesa avventista mondiale aveva ricevuto alcune donazioni importanti e inaspettate per l’opera missionaria da persone sconosciute. Le donazioni ammontano a milioni di dollari. Dopo aver condiviso questa esperienza mentre parlava di un suo studio sullo scenario che si presenterà “negli ultimi giorni” e su ciò che accadrà quando gli avventisti si avvicineranno ai giorni finali, il tesoriere ha concluso: “Sono grato che nel 2020 il Signore mi abbia permesso di avere un'idea di ciò che probabilmente accadrà alla fine della missione". 

[Fonte: Adventist Review]

Produttore

Condividi

News Avventisti

Articoli recenti