In una conferenza stampa ad Abuja Amnesty International ha presentato un nuovo rapporto sulla pena di morte in Nigeria dal titolo “Aspettando il boia”. Il rapporto è stato redatto in collaborazione con “Legal defence and assistance project” (Ledap), un’organizzazione legale nigeriana che promuove pratiche di buon governo e il primato della legge nel paese. Come funziona il sistema giudiziario nigeriano? Quali sono le conclusioni più preoccupanti che emergono dal rapporto? Viene riportato il caso emblematico di un prigioniero di 57 anni: qual è la situazione di quest’uomo? Le esecuzioni in Nigeria sono avvolte dal segreto. Quante persone si stima ci siano nel braccio della morte? Cosa chiede Amnesty al governo nigeriano? Mario Calvagno e Carmen Zammataro intervistano Riccardo Noury, portavoce di Amnesty Italia.

Produttore

Condividi