In questa seconda puntata prendendo a pretesto un fatto di cronaca, il dottor Varrasi e Claudio Coppini con l'ausilio del Cannocchiale ci portano a riflettere sulla verità, quella umana, pratica, rifuggendo da quella filosofico- specialistica o spiritual- religiosa.
Come dice Platone, la verità è corrispondenza della realtà, ma la realtà è estesa e profonda, ha molte facce e, sopratutto, non sta mai ferma per poter essere catturata.
Per non parlare poi del ruolo dell’osservatore e del suo punto di vista!
È evidente, insiste Varrasi, che molti giudizi umani sono fallibili, relativi, contraddittori, anche se l’umanità ha bisogno di certezze, di verità immutabili.
Questa esigenza di sicurezza e di riferimenti fissi è così forte che gli uomini la verità spesso la deformano, la frammentano, oppure la sostituiscono con l’illusione che, alle giuste dosi, sembra regalare grandi soddisfazioni.
Ma allora la verità è relativa? Non è detto.
Come dice il filosofo Hegel, “la verità è l’intero”, una specie di paesaggio, come vede il Cannocchiale, dove coesistono alberi riconoscibili con frutti succosi, piante misteriose che possiamo evitare per paura o a cui possiamo accostarci per curiosità. E poi un bosco talmente fitto che per addentrarvici, ci vuole una bella dose di coraggio e di forza.
E poi, secondo il dottor Varrasi, che si richiama a esperienze professionali psicoanalitiche, la verità è fatta a strati: possiamo procedere dalla superficie alla profondità, dall’apparenza (con i vari tipi di maschere umane) alla sostanza, da sopra – cioè dai principi più evoluti – per inabissarci verso il basso, oppure al contrario partire terra terra per alzare il nostro sguardo verso il cielo.
Secondo il Cannocchiale di Varrasi, la ricerca della verità è un viaggio quantomai  interessante, che dura per tutta la vita. Ognuno fa il suo percorso e arriva a un certo punto della via. Il monito è di non stare fermi o passeggiare tutto il tempo nel proprio cortile, né comportarsi come Ponzio Pilato di fronte al Cristo, che pone la domanda sulla verità ma che poi se ne lava le mani.

Produttore

Condividi

Articoli recenti