Cari amici, che seguite tutti i lunedi alle 11.35 in diretta la rubrica, IL CANNOCCHIALE o scaricate il podcast dal sito innanzitutto volevamo ringraziarvi per i numerosi messaggi che ci sono arrivati per la trasmissione precedente, su Pinocchio e i bambini. Siete stati tutti molto cari e affettuosi e ci avete commosso. 

Per la puntata odierna, come sempre Claudio Coppini nella sua veste di conduttore anticipa il tema, che ha a che fare con la seconda occasione. Tutti abbiamo nella vita una seconda occasione per riprendersi, per rifarci, trovare la nostra strada. Lo facciamo attraverso la lettura di un racconto scritto da  Giovanni Varrasi, il nostro psicoterapeuta-poeta (a dirla tutta anche psichiatra) che sarà  letto da Roberto Vacca. Varrasi suggerisce un'interessante riflessione. Avanzando nel sentiero della vita, " mi sono convinto dice il dottore che l’esistenza fornisca seconde occasioni, nel senso che quello che anni prima hai fatto male, che non ti è piaciuto, non è arrivato o ti è andato male, può, per motivi precisi, avere un andamento più favorevole.
Il racconto dedicato a Rino si esercita su questo tema. Durante la puntata, il Cannocchiale cerca di individuare gli elementi che possono determinare nella vita una eventuale seconda occasione: maggiore linearità di comportamento, fiducia negli altri, dare il meglio di sé, alleggerire il peso di paure, timori, chiusure.
Claudio e Roberto arricchiscono lo sguardo con osservazioni, domande e risposte.

Qui puoi leggere il racconto di Giovanni Varrasi.

Produttore

Condividi