Dario Gentile – È stato l’evento del periodo autunnale per il Campo Nord, quello svoltosi l’8 e il 9 dicembre tra Milano e Como: lo Youth Rally 2018. Come gli altri anni, la scelta è ricaduta su un weekend di attività composto da un sabato insieme, con momenti di riflessione e arricchimento spirituale, e una domenica all’insegna del ludico, con un torneo di calcio e pallavolo misto.

250 giovani hanno partecipato all’evento, provenienti dalle comunità di Bergamo, Caravaggio, Sesto San Giovanni e dalle varie chiese di Milano: Baggio, brasiliana, Certosa, latinoamericana, Mirabello, romena.

Il sabato è iniziato con l’accoglienza all’arrivo nella chiesa evangelica di via Fleming, a Milano, in cui venivano distribuiti i sacchetti con la colazione e il programma; è proseguito con una presentazione di canti e momenti di riflessioni, che ha introdotto il tema «Relazioni all’interno della chiesa» e la condivisione in gruppi. Ogni gruppo, guidato da un responsabile e partendo da alcune immagini che rappresentavano in maniera diversa i modi di vivere le relazioni in chiesa, ha potuto scegliere una tematica tra quelle presentate dalla Scuola del Sabato settimanale, che più si avvicinava all’interesse dei ragazzi, per riflettere insieme.

La mattinata è stata chiusa dalla predicazione di Jose Luis Nunez, pastore di Sesto San Giovanni e responsabile dello staff GA dell’area nord. Dopo il pranzo, nel pomeriggio, Alessio Bellunato, della chiesa di Sesto San Giovanni, ha condiviso la sua esperienza e testimoniato i cambiamenti avvenuti nella sua vita grazie al vangelo. Si era reso conto di condurre uno stile di vita non a coerente con la sua fede e aveva deciso di cambiare, iniziando una nuova esistenza alla ricerca di equilibrio tra la fede e la realtà di tutti i giorni. L’ultimo atto della giornata è stata l’uscita insieme, con scopo la ricerca di una relazione con l’altro e alcuni sondaggi per facilitare il momento di approccio.

La domenica si è svolto il torneo di calcetto e beach volley misto, creato come ogni anno per favorire l’apertura di tornei e momenti ludici anche alle ragazze delle nostre chiese e non, che altrimenti si troverebbero a fare solo da spettatrici. Hanno partecipato 12 squadre e le regole principali sono state riprese dall’ultimo torneo, con il vincolo principale a calcetto. Infatti, per salvaguardare la partecipazione delle ragazze al gioco, si è scelto di rendere gli uomini solo dei supporti e di considerare validi soltanto i gol delle ragazze.

Il torneo ha visto la vittoria meritata della squadra di Bergamo su quella di Sesto A, dopo la doppia sfida a calcetto e a beach volley, con al terzo posto l’altra squadra di Sesto. Menzione speciale per  la squadra di Milano Baggio, premiata con il trofeo fair play, che, partecipando come fuori quota, ha rinunciato alla terza posizione conquistata sul campo, ed ereditata successivamente dai sestesi.

 

 

 

 

 

 

Produttore

Condividi