L’esperienza del primo delegato sordo all’Assemblea Mondiale della Chiesa

Notizie Avventiste – Un momento degno di nota durante i lavori amministrativi dell’Assemblea Mondiale è quello in cui il past. Jeffrey Jordan è andato al microfono per sostenere la necessità di rendere le chiese un luogo più accogliente per le persone con disabilità. Ha parlato in Lingua dei segni americana, tramite l’interprete Nohe Jarnes, come primo delegato delle persone sorde a una Sessione, e ha presentato un appassionato caso di inclusività perché “ogni persona ha una possibilità che Dio può usare”.

Per Jordan, gli individui non devono essere indentificati esclusivamente attraverso la loro disabilità, ma bisogna considerarli in quanto persone, con passioni, interessi e personalità uniche. Quando in assemblea, la sera dell’8 giugno, si è votato di inserire nel Manuale di Chiesa una sezione sui Ministeri Avventisti per le pari Possibilità (Map) nelle chiese locali, Jordan è stato felice di vedere la sua chiesa inclusiva verso un gruppo che spesso rimane ai margini. I Map svolgono il loro ministero in favore di sette gruppi di persone: sordi, ciechi, con problemi motori, con problemi di salute mentale, orfani e bambini vulnerabili, coloro che hanno perso un coniuge, i caregiver.

Modello di ruolo 
Come primo delegato sordo, Jordan si dice onorato di rappresentare milioni di persone sorde in tutto il mondo. Nato e cresciuto in California, era l’unica persona sorda nella sua famiglia di udenti. Durante gli anni dell’università, è stato coinvolto nel ministero per i sordi presso la chiesa avventista di Northridge. Altri studenti sordi partecipavano al servizio di culto che includeva anche loro e dove Jordan predicava qualche volta. In quel periodo, ha incontrato la sua futura moglie che studiava per diventare interprete della lingua dei segni. Desideroso di svolgere questo ministero, si è iscritto al Seminario teologico avventista della Andrews University. L’università provvedeva gli interpreti di lingua dei segni per le sue lezioni in classe e alla fine si laureò in teologia. È poi diventato pastore della chiesa Southern Deaf Fellowship in Tennessee, che oggi conta 77 membri presenti e altri che guardano online ogni settimana. Oltre alle sue responsabilità pastorali, Jordan è coordinatore associato dei Map presso la Chiesa mondiale.

Rimuovere lo stigma 
Jordan spera di continuare a sensibilizzare sulla comunità di fede dei sordi. Sono un gruppo di persone con lingua e cultura specifiche, che possono aiutare nella gestione e nel funzionamento della chiesa.
“Vorrei che le persone udenti capissero che la mia chiesa, la loro chiesa, include membri sordi” spiega “Possono gestirla e farla funzionare proprio come una chiesa di udenti, che si tratti di servizi speciali, come matrimoni, funerali, o servizi religiosi regolari”.

Vita di delegato sordo 
La maggior parte dei delegati può muoversi per la sala pur tenendosi al passo con ciò che sta accadendo sul palco. Ma questa è una sfida per qualcuno che riceve tutte le informazioni attraverso i suoi occhi. “Altre persone hanno il vantaggio del multitasking. Possono scrivere o possono fare altre cose mentre continuano ad ascoltare” afferma “Per me è diverso, perché devo affidarmi all’interprete”.
E aggiunge: “Sarò onesto con te; è vero che stancante, ma ho davvero goduto di questo tempo.

[Foto: James Bokovoy e screenshot dall’Assemblea. Fonte: Adventist Review]

Produttore

Condividi