Il lamento. Un percorso verso l’intimità con Dio
12 Ottobre 2022

Bert Williams – I cristiani sono esortati a mantenere uno spirito positivo anche di fronte alle difficoltà. I Salmi invitano a lodare il Signore in numerose circostanze. Le lettere dell’apostolo Paolo sono intrecciate con inviti alla gioia, anche quando era in prigione. Lodare Dio nei momenti difficili è un'importante disciplina spirituale che rafforza il nostro cammino con il Signore. …

Ma è possibile che, a volte, anche cristiani più forti si trovino in un luogo dove la gioia sembra impossibile?

Il Libro dei Salmi, per quanto ricco di lodi, include almeno 65 salmi di lamenti, che esprimono rabbia, protesta, dubbio e disperazione, ma non sono lamentele di eretici o miscredenti. Ecco la realtà: in tempi di intensa sofferenza, un lamento può essere un percorso importante verso l'intimità con Dio. Considera questa parte del Salmo 44: 
“Risvègliati! Perché dormi, Signore? 
Dèstati, non respingerci per sempre! 
Perché nascondi il tuo volto 
e ignori la nostra afflizione e la nostra oppressione? 
Poiché l'anima nostra è abbattuta nella polvere; 
il nostro corpo giace per terra. 
Ergiti in nostro aiuto, 
liberaci nella tua bontà”. 
(vv. 23-26).

Il teologo D. A. Carson osserva: “Non c'è nessun tentativo nella Scrittura di nascondere l’angoscia del popolo di Dio quando soffre. Le persone discutono con Dio, si lamentano con Dio, piangono davanti a Dio. La loro non è una fede che porta a uno stoicismo asciutto, ma a una fede così solida da lottare con Dio”.[1]
In effetti, discutere, lamentarsi, piangere davanti a Dio a volte può essere la nostra migliore adorazione perché è tutto ciò che abbiamo da offrire. 
Il più cupo dei Salmi è l’88, che conclude: "le tenebre sono la mia compagnia” (v. 18). Ma questo grido non esce dalle labbra di un non credente. Il Salmo inizia con le parole: “O Signore, Dio della mia salvezza, io grido giorno e notte davanti a te” (88:1).

Penso sia probabile che Gesù, mentre era in croce, stesse recitando a memoria il lamento che conosciamo come Salmo 22, alcuni versi li disse ad alta voce mentre la sua vita svaniva. Sicuramente, quando i tempi sono brutti, possiamo trovare nell'esempio di Cristo la nostra esperienza. 

Nota
[1] D. A. Carson, How Long, O Lord? Reflections on Suffering and Evil, seconda edizione, Grand Rapids: Baker Academic, 2006, p. 67.

(Bert Williams, ora in pensione, ha lavorato come pastore, insegnante e giornalista).

[Fonte: Adventist Review. Traduzione: L. Ferrara]

 

Condividi su:

Notizie correlate

Caravaggio. Battesimi

Caravaggio. Battesimi

Elisa Laura Gheorghiu – Sabato 6 luglio, la chiesa avventista di Caravaggio (BG) ha celebrato i battesimi di Gabriella Velazquez, Sophia Lainez, Antonella Tapia e Victor Malvaceda. Il past. George Caputi ha iniziato la cerimonia con una breve predicazione che ha...

La verità come ossigeno in un ambiente intossicato

La verità come ossigeno in un ambiente intossicato

In un mondo polarizzato, saper analizzare le informazioni e cercare le fonti corrette è la chiave per trovare la verità. Diego Barreto – Oggi voglio parlare di due argomenti inevitabili di questi tempi: le fake news e le opinioni distorte. Il nostro mondo è...

Riposare in estate con l’aiuto di sei testi biblici

Riposare in estate con l’aiuto di sei testi biblici

Un’amaca, una limonata, un buon libro, un pomeriggio tutto per noi. Mescoliamo insieme questi quattro ingredienti e avremo la ricetta per un bel pomeriggio estivo. E allora, perché non riusciamo a rilassarci? Perché la mente corre a cento all’ora come al solito? Cosa...

Calciatori vanno in chiesa

Calciatori vanno in chiesa

Notizie Avventiste – Se in Germania sono in corso gli Europei di calcio, ormai arrivati alle fasi conclusive, anche negli altri continenti le squadre di ogni Paese sono impegnate nei rispettivi tornei. E così, in occasione della finale del campionato d’Oceania, la...

Pin It on Pinterest